Mete e destinazioni 2019: le ultime tendenze viaggi

Ecco qui otto tendenze viaggio per il 2019: perché le vacanze non sono sempre uguali, seguono le mode e talvolta le esperienze contano più delle destinazioni.

Viaggiare è sempre un’esperienza meravigliosa. Non bisogna però dimenticare che anche i viaggi subiscono le mode. E così Booking.com ha condotto una ricerca su 21.500 viaggiatori provenienti da 29 Paesi per trovare otto trend di viaggio per il 2019. Quali sono le ultime tendenze 2019?

1. Il viaggio come fonte di conoscenza: le scelte relative ai viaggi saranno cariche di significato,
dal momento che si tenderà sempre più a dare un vero e proprio scopo al proprio
peregrinare per il mondo. Oltre la metà dei viaggiatori globali è d’accordo nel dire che
viaggiare fornisce preziose lezioni di vita.

2. Parola chiave: facilità d’uso: sarà standard utilizzato per misurare le innovazioni tecnologiche nel mondo dei viaggi. I viaggiatori infatti guardano con più entusiasmo a soluzioni che gli permettano di tracciare i bagagli in tempo reale tramite app per dispositivi mobili o alla possibilità di usare un’unica app per pianificare e prenotare un viaggio e gestire qualunque esigenza possano avere durante il viaggio stesso (indicate entrambe dal 57% degli intervistati).

3. Territori inesplorati: la NASA inizierà la costruzione della sua stazione spaziale lunare nel 2019, con lancio previsto nel 2022, e anche per questo ci saranno sempre più considerevoli investimenti nei viaggi spaziali.

4. Personalizzazione: le vecchie guide di viaggio generiche del passato lasceranno spazio a contenuti brevi, personalizzati e più rilevanti, facilmente integrabili nei feed dei viaggiatori.

5. Viaggio consapevole: circa la metà (il 49%) dei viaggiatori pensa che le questioni sociali delle possibili destinazioni di viaggio siano un fattore importante nella scelta di una meta, mentre oltre la metà (il 58%) sceglie di non visitare una destinazione se pensa che il viaggio abbia un effetto negativo sulla popolazione locale.

6. Addio alla plastica: i millennial e la generazione Z cercherà di fare esperienze sostenibili una volta raggiunta la propria destinazione di viaggio, mentre i gestori delle strutture ricettive si impegneranno a ridurre l’uso della plastica e a diventare sempre più eco-sostenibili.

7. La ricerca delle esperienze: “Fare” qualcosa sarà ugualmente importante, se non di più, che
visitare una destinazione, e del resto per quasi due terzi degli intervistati (il 60%) le
esperienze valgono ormai di più dei possedimenti materiali.

8. Sfruttare al massimo le vacanze brevi

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail