Ecoluxury, la nuova directory del turismo lussuoso e responsabile

riserva zambia

Sono 147 in tutto il mondo. Spaziano dalla Nuova Zelanda alla Jamaica, passando per la Francia e il Sudafrica. Si tratta dei resort 5 stelle raccolti dalla nuova directory di Eco Luxury, marchio dei Viaggi dell'Elefante che raggruppa le strutture ultra-lusso che investono costantemente in progetti 'eco', sia si tratti di preservazione dell'ambiente sia in difesa delle culture locali.

Qualche esempio? Al Tarfa Desert Scantuary è una struttura realizzata all'interno dell'Oasi di Dakhla in Egitto, tra Nilo e il confine libico. Architettura sahariana unita al comfort occidentali rendono il lodge unico nel suo genere. A questo si affiancano i progetti, nel 2009 una sponsorizzazione a cura del Al Tarfa ha permesso ad una squadra di medici di curare 640 pazienti. E ancora il Grootbos Private Nature Reserve, a qualche centinaio di km da Cape Town in Sudafrica, è una struttura da circa 400 euro a notte che ha preso l'impegno di promuovere il rimboschimento della foresta di Milkwood, piantando 1000 alberi l'anno. Oppure Al Maha Desert Resort, nel cuore del deserto di Dubai. Una struttura realizzata come un accampamento beduino che ospita la più vasta collezione di manufatti originali, oltre 2mila, di culutra araba di tutti gli Emirati Arabi. A questa eccellenza, il resort affianca il 94% del riciclo delle acque e la tutela del deserto. Lo scorso hanno ha introdotto 6mila esemplari di piante autoctone e branchi liberi di orici.

Tutti i lodge garantiscono il connubio lusso e turismo responsabile. L'elenco completo delle strutture si trova sul sito eco - luxury come nell'omonima guida - directory edita da De Agostini e in distribuzione da oggi nelle librerie italiane. Si può prenotare il proprio soggiorno dal website ufficiale, come passando da Viaggi dell'Elefante o in qualsiasi agenzia, chiaramente essendo strutture a 5 stelle, non sono proprio alla portata di tutti. Ma potrete costantemente sapere come vengono investiti i vostri soldi e tornando dopo qualche anno, troverete l'ecosistema che ha ospitato le vostre vacanze addirittura migliorato. Cosa di certo non comune per l'industria turistica.

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: