Settimana bianca in Alta Badia, all'hotel La Fradora di San Cassiano

Hotel La Fradora di San CassianoVenti anni sono tanti, abbastanza per riempire la propria cassapanca di libri, fotografie, cartoline, cappellini, teiere sbeccate, fiori seccati, collezioni improbabili e ricordi, che graffiano o lasciano carezze, come il vento nei capelli di quando mi divertivo a scendere lungo la Alting tutto d'un fiato. E quest'anno, finalmente, sono riuscita a mantenere la promessa che avevo fatto a me stessa, di tornare in Alta Badia, per sciare nel comprensorio che, secondo me, non ha uguali in Italia.

Una settimana di sci indimenticabile, anche grazie all'ospitalità dell'hotel La Fradora di San Cassiano, che ho scelto dopo aver una lunga ricerca sul web, fidandomi delle recensioni di altri che mi avevano preceduto. Il Fradora si trova fuori dal paese, a circa 900 metri dagli impianti, raggiungibili grazie ad uno ski bus che ferma proprio davanti all'hotel e in due tre minuti vi scarica sotto l'impianto di risalita. Sia che lasciate le attrezzature da sci in albergo, o in deposito sotto gli impianti, un servizio puntualissimo e veramente comodo.


Quello che più piaciuto del mio soggiorno in hotel sono state le persone, i proprietari e il personale, sempre gentili da farti sentire di famiglia, ma mai dimentichi della propri doveri di ospitalità. Camera sempre pulita e tirata a lucido come il giorno dell'arrivo, servizio in sala impeccabile, con grande attenzione ai dettagli, e una cucina varia e gustosa, mai sotto tono. Dicevo dell'attenzione al cliente, a tutti i clienti, da quelli più esigenti dei capi firmati e dello shopping in paese, a quelli più sportivi, dei consigli sulle piste del giorno dopo e dei panini fatti al volo la mattina prima di correre sulle piste.

Un'attenzione fatta di piatti cucinati fuori menu per l'ospite con esigenze particolari, della corsa dal meccanico per l'auto che ci ha lasciato a terra, del proprietario che sale con noi sullo ski bus per vedere come funziona la filiera, tutta la filiera, dalla camera fino all'impianto di risalita. E l'incanto delle montagne innevate, dello sguardo che spazia libero tra le cime dei monti, regalandoci respiri e sensazioni di libertà.

A questo punto avrete capito che ho passato una settimana bianca d'incanto, la stessa che auguro a chi la sta ancora progettando, ai quali mi sento tranquilla nel consigliare La Fradora. Unica accortezza per i non sciatori; chiedere almeno le stanze superior, più comode e spaziose di quelle standard, più piccole, di noi sciatori incalliti, che in stanza passiamo solo il tempo del sonno tra una discesa e l'altra.

  • shares
  • Mail