EasyJet rimborsa on-line i voli cancellati causa maltempo; e le Ferrovie cosa fanno?


C'è chi sostiene che il sistema ha retto l'urto delle avverse condizioni meteorologiche, salvo consigliare di attrezzarsi con panini e coperte e chiarire che non ci saranno rimborsi, e c'è chi mette su una pagina web in tempo reale, dove i passeggeri che non hanno potuto viaggiare, possono decidere di prendere un altro volo o chiedere il rimborso. Sono sicura che le normative tra trasporto aereo e ferroviario sono diverse, che una cosa è la cancellazione e un'altra cosa è un ritardo (ma 24 ore di ritardo, non equivalgono ad una cancellazione ed emissione di un nuovo biglietto?), insomma sono sicura che ci sono tante ragioni per comportamenti così diversi.

Però niente mi toglie dalla mente che una differenza di fondo, sostanziale, esiste, tra chi dice "Non è stata colpa mia, ma mi scuso per i disagi che hai sopportato", e poi cerca di venire in contro alle tue esigenze, e chi nega ogni responsabilità:

Ero... rimasto senza benzina. Avevo una gomma a terra. Non avevo i soldi per prendere il taxi. La tintoria non mi aveva portato il tight. C'era il funerale di mia madre! Era crollata la casa! C'è stato un terremoto! Una tremenda inondazione! Le cavallette! Non è stata colpa mia! Lo giuro su Dio! Wikiquote

E' la differenza di chi comunica con i suoi clienti, e chi comunica con i suoi utenti.

EasyJet invita i clienti con il volo cancellato a causa del maltempo a non recarsi in aeroporto e a richiedere online il rimborso del biglietto. TTGItalia

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: