A spasso tra i profumi di Vienna

In occasione di una recente visita alla città di Vienna mi sono lasciato guidare dai profumi per una sorta di itinerario alternativo.

©WienTourismus / Manfred Horvath   Legend:  Imperial Palace: view from the roof of the Naturhistorisches Museum Wien, Heldenplatz

Ci sono molti modi per visitare una città: si può andare all’avventura o seguire determinati percorsi, ci si può affidare ai consigli degli amici o delle agenzie di viaggio e via dicendo. Nel visitare Vienna mi sono lasciato guidare dai profumi e dagli odori. So che il mondo del profumo è quanto di più evanescente che possa esistere (per dirla con Patrick Süskind e il suo bellissimo romanzo Profumo) ma so anche che, come dice Baricco in riferimento alla Cappella Sistina, alcuni posti li senti prima nel naso e poi li vedi.

Come tutte le città del mondo Vienna è piena di odori e di profumi (non dimentichiamo che la composizione dei profumi aveva una grande tradizione a Vienna al tempo della monarchia asburgica), che possono essere gradevoli o meno, ma che costituiscono anche un interessante itinerario da seguire.

I profumi del potere


©WienTourismus / Peter Rigaud   Legend:  Vienna from Above: View to St. Stephans Cathedrale

Vienna, nel cuore dell’Europa, è stata una città imperiale e questo è ben visibile. Palazzi e ville sontuose, parchi ben curati si trovano in tutta la città.

Nel Palazzo Imperiale l’odore è quello della solennità, dato non solo dalla magnificenza della costruzione, ma anche dalle tappezzerie, dagli arredamenti, dal contesto. Certo, qui il profumo che si sente è più radicato nell’immaginazione che nel naso, ma vi assicuro che è un’esperienza olfattiva forte.

Particolare il contrasto di odori che si prova in Josefplatz: da un lato abbiamo il profumo dei libri antichi conservati nella Sala Imperiale della Biblioteca Nazionale Austriaca, dall’altro l’odore dei cavalli Lipizzani della Spanish Hofreitschule, la Scuola di Equitazione spagnola. In un certo senso sono due modi di attraversare la vita: tra i libri e a cavallo…

Da non sottovalutare l’intenso profumo di rose nel Volksgarten, uscendo dal Palazzo Imperiale, è qualcosa di spettacolare.

Altro centro di potere, a Vienna come in tutto il mondo, è la chiesa cattedrale. Nell’entrare nel duomo di Santo Stefano non vi nascondo che ho fatto un’esperienza quasi mistica. Era in corso, infatti, una celebrazione (se non erro si trattava di una messa di ordinazione di alcuni diaconi): odore d’incenso dappertutto, canto delle litanie, gente inginocchiata e, in fondo, il cardinal Schönborn, arcivescovo di Vienna, con tutto il clero. I canti e l’incenso che saliva nella volta hanno contribuito a rendere emozionante la situazione.

I profumi del cibo


©WienTourismus / Ingo Folie   Legend:  Naschmarkt

Vienna è giustamente famosa anche per la sua pasticceria: la torta Sacher è celebre in tutto il mondo. Nella Pasticceria Demel, a due passi dal Palazzo Imperiale, si può gustare anche con l’olfatto la bontà dei dolci viennesi, anche se devo dire che l’odore che mi ha più colpito è stato quello dello zucchero lavorato, che sentite particolarmente intenso recandovi al piano inferiore della pasticceria e passando dinanzi al laboratorio.

Il miglior odore di cioccolato che ho sentito a Vienna l’ho provato, però, non al Demel e nemmeno al celebre Hotel Sacher, ma nella pasticceria Leschanz, ricavata in un antico negozio di bottoni: all’ingresso sarete avvolti da un sentore buonissimo di cacao e con retrogusto di spezie che non sono niente male.

A proposito di spezie, dovete fate un salto alla distilleria Burschik che produce un Vermouth niente male. Oltre a gustarlo, potrete assaporare i sapori di spezie come il coriandolo, l’artemisia, lo zenzero insieme all’odore di arancio.

Se poi volete immergervi in un tripudio di odori e sapori, allora il Naschmarkt è il posto che fa per voi. Si tratta del mercato più famoso di Vienna, con oltre cento bancarelle e locali e con un'offerta alimentare variegata che spazia dalla cucina viennese a quella indiana, vietnamita e italiana.

Foto | ©WienTourismus / Manfred Horvath (Imperial Palace: view from the roof of the Naturhistorisches Museum Wien, Heldenplatz) – ©WienTourismus / Peter Rigaud (Vienna from Above: View to St. Stephans Cathedrale) – ©WienTourismus / Ingo Folie (Naschmarkt)

  • shares
  • Mail