L'esposizione "Il telescopio di Galileo, lo strumento che ha cambiato il mondo'" a Palazzo Incontro a Roma fino al 6 gennaio 2010


Rimarrà in cartellone fino al 6 gennaio l'esposizione "Il telescopio di Galileo, lo strumento che ha cambiato il mondo'", nella nuova sede espositiva della Provincia di Roma, Palazzo Incontro, restaurato dopo che per 30 anni era stata praticamente abbandonato. L'ingresso alla mostra, dove sono esposti fedeli repliche di antichi strumenti oltre a importanti documenti e manoscritti, grazie all'intervento dell'ente Provincia, è gratuito. Orario di apertura dalle 10 alle 19, tutti i giorni escluso il lunedì.

Tra l'estate e l'autunno del 1609 Galileo rese possibile la visione dell'universo con una fisionomia completamente nuova la mostra presenta fedeli repliche di antichi strumenti, molti dei quali conservati presso il Museo di Storia della Scienza di Firenze, oltre a importanti documenti e manoscritti Galileo derivò l'idea del telescopio da modesti tubi dotati di lenti, poco più che giocattoli, prodotti in Olanda e in vendita nelle strade di Venezia nel 1609. La mostra illustra le innovazioni apportate dallo scienziato toscano allo strumento e le sue eccezionali scoperte: la Via Lattea, che gli si svelò come un conglomerato di innumerevoli stelle, la natura irregolare della superficie lunare, i quattro satelliti orbitanti intorno a Giove, le macchie solari e le fasi di Venere. Il curatore Giorgio Strano su APCom.

  • shares
  • Mail