"Ospitalità con arte" a Roma: il nuovo Margutta 54


Con il suo aspetto di "strada fuori porta", profumata dal verde dei giardini e delle vigne e animata da spazi pittoreschi, via Margutta ha raccolto generazioni di pittori e scultori che l'hanno scelta come sede dei propri atelier e abitazioni, conferendole quel carattere bohemien e internazionale che ancor oggi la contraddistingue, anche grazie ai lavori di restyling completati a gennaio dello scorso anno.

Chi passeggia per questa via non può non notare la famosa Fontana degli Artisti, chiara testimonianza dell'atmosfera che vi si respira, con il suo insieme allegorico di cavalletti, tavolozze, pennelli e con i due mascheroni centrali, uno triste e uno lieto, che vanno a significare l'alterno stato d'animo degli artisti.

In questa splendida cornice Alberto Moncada di Paternò ha realizzato il Margutta 54, dove si può soggiornare in una delle quattro lussuose suite, con bagni spaziosi, biancheria firmata Frette, impianto satellitare con televisori al plasma, mini bar gratuiti, macchine per caffè Nespresso, e possibilità di ottenere rapidi servizi di room-service, con tanto di maggiordomo a disposizione per ogni esigenza. I prezzi per una notte partono da 290 euro, quindi non sono economicissimi, ma volete mettere l'emozione di dormire accanto al civico 53/b, dove, nel 1917, Pablo Picasso durante il suo soggiorno romano con Jean Cocteau, dipinse L’Italiana e l’Arlecchino e donna con collana?

Margutta 54_1Margutta 54_2Margutta 54_3

Margutta 54_4Fontana degli artisti

  • shares
  • Mail