Dopo Lufthansa, l'Alitalia si deve guardare anche dalla concorrenza della Freccia Rossa di Trenitalia


Non si parla più dei guai di Trenitalia, come quando si guastò un locomotore della Freccia Rossa, ma dei guai dell'Alitalia, che oltre alla concorrenza di Lufthansa sulla tratta Roma Fiumicino - Milano Linate, deve fronteggiare quella che gli arriva da terra, dalla Freccia Rossa di Trenitalia, il cui A.D., Mauro Moretti, ha dichiarato (Adnkronos via Libero):

Con l'Alta Velocita' abbiamo sottratto oltre il 40% per cento del traffico all'Alitalia. Anzi ci stiamo avvicinando verso il 50 anche se poi i dati, come si sa, ognuno li vede un po' dalla sua parte. Oggettivamente le cose si vedono andando in treno , i treni sono pieni e andando in aereo sono un po' più vuoti

Che le cose non vadano benissimo lo sanno anche i vertici della Nuova Alitalia, che se da una parte mugugnano per gli aiuti che Trenitalia riceverebbe dallo Stato (e qui mi permetto di sorridere visto quelli concessi a loro), dall'altra rispondono mettendo in atto una politica di sconti sui prezzi (i 99 euro a biglietto di questo periodo) e una più attenta gestione dei tempi.

Sono infatti i tempi di trasporto il tallone d'Achille del trasporto aereo rispetto a quello su rotaia. Tempi che occorre considerare complessivamente, da quando si esce da casa a quando si entra in ufficio o un albergo giunti a destinazione; tempi che per gli aerei si allungano per la lontananza degli aeroporti dai centri cittadini, tempi che si allungano anche per le procedure di imbarco e sbarco.

E l'Alitalia, che vuole far concorrenza alla Freccia Rossa, punta anche sulla riduzione di questi tempi, che l'A.D. Rocco Sabelli, chiama tempi accessori - (via Adnkronos).


'Stiamo lavorando con Adr e con la Sea. Vogliamo dedicare un pezzo di aeroporto solo a questa tratta con banchi del check-in dedicati. Ridurremo i tempi di accettazione, faremo in modo di impiegare il finger piuttosto che il bus per le operazioni di imbarco e sbarco nella maggior parte dei casi. Dedicheremo a questa tratta una flotta di 10-11 aeroplani e 120 addetti che faranno solo questo. Pensiamo di guadagnare così 20-25 minuti'.

Ovviamente Trenitalia non sta con le mani in mano, tant'è che, dopo aver agito sui tempi di percorrenza riducendoli, pensa già di portare la concorrenza anche su altri piani, quelli tariffari. Sempre citando Mauro Moretti (via Quotidiano.net), sappiamo che presto ci saranno novità tariffarie per la seconda classe del Freccia Rossa.

Stiamo pensando di fare, nell’ambito della 2/a classe, sconti tariffari maggiori di quelli fatti fino ad oggi. Stiamo pensando - ha detto ancora - a sconti sulla base delle prenotazioni anticipate che porterebbero i biglietti a livelli poco superiori a quelli dei treni Intercity

  • shares
  • Mail