Il Magic Show di Topolino: una mini recensione

Disney Magic Show
Ebbene si lo ammetto. In qualche modo le mie due bimbe, 7 e 3 e 1/2 anni, sono state una scusa perché convincere mio marito ad andare, tutti e quattro, a vedere Il Magic Show di Topolino, nella sua tappa romana al Palaeur. Di questi tempi spendere oltre 120,00 euro per uno spettacolo forse è troppo, ma certo non potevo proporre di andare io da sola, il gioco sarebbe stato troppo scoperto. Insomma l'avete capito, forse ero io quella più desiderosa di vedere dal vivo le principesse, soprattutto Cenerentola, viste così tante volte nei cartoon della Disney.

Insomma con l'idea di far contente le bimbe ci siamo mischiati con gioia alle tante famiglie che si sono riversate al PalaEur (Palalottomatica ancora non mi entra) per vedere il mitico Topolino. E Topolino c'era in effetti, con i suoi simpatici compagni, con le principesse e due illusionisti americani, bravi ed anche abbastanza simpatici. Com'è andata? Quanto costava un cestino di pop-corn o un quaderno da colorare? Se vi interessa lo trovare nel seguito. Foto | ninjapoodles.

Lo spettacolo era un misto di quadri a tema (Cenerentola, Alice, Belle, Jasmine...) molto carini, che mi hanno riportato indietro nel tempo. I due illusionisti, bravi per carità, ma il loro spettacolo era pensato per i bimbi, quindi per i "grandi" non c'era più l'eccitazione della novità. I classici personaggi Disney all'inizio incantavano, poi però mi hanno stancato con le loro vocine stridule (ovviamente Paperino a parte). Il tempo dello spettacolo, un'ora e mezza con un piccolo intervallo, era quello giusto per un pubblico di bambini. Tutto molto professionale, tutto ben organizzato, ma c'era qualcosa alla fine che non mi quadrava.

Forse l'ho capito dopo, un po in ritardo. Era tutto calcolato, professionale, ma alla fine poco coinvolgente. Gli unici momenti belli erano quelli legati alla fantasia dei ricordi, ma che sinceramente avrei potuto evocare con minor spesa. Ecco, alla fine ho avuto la sensazione che tutto fosse giocato per "spremere" più soldi possibile ai genitori (nessuna differenza tra adulti e bambini? pop-corn a 10 ero? quaderno da colorare a 5 euro?) giocando sugli affetti. Di solito non casco nell'effetto del "Mulino bianco", ma questa volta ho l'impressione di esserci cascate con tutti gli stivali; in definitiva lo spettacolo non valeva i soldi spesi, almeno secondo me.

  • shares
  • Mail