Le terme di Negombo, nella baia di San Montano ad Ischia

terme di negombo ad ischia
Se provate a cercare Negombo su Google, gran parte dei risultati vi rimandano ad una baia dello Sri Lanka, ma qualcuno dei risultati vi rimanderà in Italia, sull'isola di Ischia. E non si tratta di un caso.

Tutto merito (o tutta colpa) di Luigi Silvestro Camerini, umanista e viaggiatore, innamorato dello Sri Lanka, antifascista, e per questo confinato a Ponza, dopo la guerra, scoprì un angolo di Ischia che gli ricordava una bellissima baia dell'isola indiana.

Nell'intenzione originaria di Camerini il territorio doveva ospitare un giardino botanico irrigato con un complesso anche se rudimentale sistema di vasche e percorso di sentieri scavati nella roccia del monte Vico. Non fu impresa facile creare una proprietà unica e vasta come il Negombo, giacchè all'epoca il territorio era suddiviso in lotti coltivati ad orti di proprietà di molte famiglie differenti. Per accorparli furono necessari alcuni anni e non poche battaglia, ma alla fine arrivarono cicas, cocos, ficus elastici, zamie, sterlizie che giustificavano anche quel curioso nome rubato ad una baia di Cylon. Tratto dal Parco più Bello.

Parco ma anche acque termali e centro benessere, che si affacciano sulla affascinante e riservata baia di San Montano, dove si può accedere liberamente, anche senza passare per il parco, anche se poi la spiaggia libera è piuttosto piccola, se paragonata a quella attrezzata.

Se l'ingresso alla spiaggia è anche libero (ma in alta stagione occorre arrivare presto), al parco ed alle terme occorre pagare, e non poco, 30 euro per l'intera giornata, che a questo punto conviene sfruttare per intero (dalle 8:30- alle 19). Ma ne vale la pena, perché tra le acque termali e il giardino lussureggiante, tra le installazioni d'arte (cercate l'Arco di Arnaldo Pomodoro) e il labirinto giapponese, si trascorre una giornata che difficilmente si dimenticherà.

Le Terme di Negombo.
baia di san montano ad ischia
Foto Yellow Cat.

  • shares
  • Mail