Kilmartin Glen, viaggio tra i primi re di Scozia

Megaliti, Kilmartin Glen

Megaliti o rock art? Il più antico paesaggio preistorico della Scozia è un viaggio ideale per chi ama la passeggiata archeologica fra campi da spartire con pecore bianche e nere. La Kilmartin Glen conserva oltre 150 tra tumuli funerari, incisioni circolari nella roccia, menhir, cerchi di pietre, castelli medievali e resti delle fortezze dei primi re scozzesi che fondarono la civiltà di Dalriada.

Lungo la A816, a due ore da Glasgow, si può ammirare la dolcezza del paesaggio fatto di muretti a secco e prati verdi su cui spiccano standing stone e tumuli.

Suggerisco di cominciare l'esplorazione dal Kilmartin House Museum, il museo archeologico e centro di interpretazione del paesaggio dell'omonimo minuscolo paese. La visita inizia con "La valle dei fantasmi", filmato evocativo che offre una panoramica sulla trasformazione del territorio dai primi insediamenti ai nostri giorni.

Le esposizioni, ben organizzate, propongono spazi per la didattica museale, reperti e riproduzioni di suoni del passato. Ricavata da un granaio in pietra, la caffetteria prepara piatti e dolci caserecci variando il menu in base ai prodotti di stagione, rigorosamente della zona. Il locale ha un'ala esterna, una serra in vetro e legno di quercia che riserva un privilegio non da poco: la vista su un antico tumulo standosene comodamente seduti a sorseggiare una bevanda.

Accanto, nella chiesa e nel suo cimitero, sono conservate delle croci risalenti al primo cristianesimo e antiche lapidi su cui sono scolpite sagome di armigeri. Tra i monumenti più importanti (ben indicati e dotati di parcheggio), non si deve mancare Temple Wood, un circolo di pietre risalenti all'età del bronzo.

Per curiosare sull'arte preistorica, quella delle incisioni a forma di anello datate 5.000 anni fa, bisogna deviare dalla strada principale e immergersi nel bosco di Achnabreck. Il sentiero è in salita e praticato dagli appasionati di mountain bike, ma vale la pena uno sforzo minimo per la ricca concentrazione di disegni.

Il museo apre ogni giorno dalle 10 alle 17.30, dal 1 marzo al 31 ottobre, poi riduce gli orari e chiude tra il 23 dicembre e il 1 marzo. A parte il costo del biglietto per le esposizioni, il resto è gratuito e visitabile tutto l'anno. Per giungere ai siti fuori mano è meglio dotarsi della mappa reperibile al museo. Un ultima indicazione: non disturbare gli animali e rispettare il divieto di introdurre cani nei siti, fatta eccezione per quelli guida.

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail