La Air Canada Jazz elimina i giubbotti salvagente dai propri voli

Air Jazz
La storia è semplice: il petrolio costa sempre di più, per cui le compagnie aeree, per rimanere in attivo, devono decidere di aumentare i prezzi dei biglietti o diminuire i costi di gestione. In un mercato così frazionato (forse ancora per poco tempo vista la corsa alle fusioni tra compagnie) aumentare i prezzi, spesso, significa perdere quote di mercato, uno dei parametri fondamentali che occorre invece preservare se si vuole resistere sul mercato. Rimane allora l'opzione di abbassare i costi.

Quali costi? Innanzitutto quelli legati al carburante. Così mentre si moltiplicano le voci (per ora solo voci) di aerei che volano con il quantitativo giusto di carburante, senza avere la riserva per le emergenze, o aerei che sostano sulla pista di rullaggio il minimo indispensabile (un pò come noi automobilisti che fermi in coda spegniamo il motore), di sicuro c'è che si cerca di far volare gli aerei sempre più leggeri, eliminando i pesi inutili, in modo da risparmiare sul carburante.

Per cui abbiamo compagnie che passano dalle normali stoviglie a quelle di plastica, e non per questioni di sicurezza ma per questioni di peso, ed altre che eliminano i giubbotti di sicurezza, perché tanto sono inutili. E' questo infatti il ragionamento che hanno fatto quelli della Air Canada Jazz, visto che tutte le loro rotte di volo distano oltre 90 chilometri dalle coste marine ( e quelle poche che non rientravano in questi limiti sono state modificate), per cui le compagnie aeree, secondo la legislazione canadese, sono autorizzate a mantenere a bordo unicamente i gommoncini gonfiabili, e non anche i i giubbotti di sicurezza. Unica concessione è quella prevista per gli infanti (mi sa che io non rientro più tra questi), per i quali è previsto il mantenimento a bordo della dotazione di giubbotti salvagente.

Ok, il discorso fila liscio, molto razionale, anche se poi, quando salgo a bordo di un aereo, non mi sento poi tanto sapiens sapiens, quanto piuttosto homo, e magari mi inquieto un pò di più per notizie di questo genere.

News via Canada.com.
Il sito della Air Canada Jazz, dove però non ho trovato traccia di questa novità.
Foto di Drewski2112.

  • shares
  • Mail