Airbnb Italia: intervista ad Andrea La Mesa

Quattro chiacchiere con Andrea La Mesa, il giovane Managing Director Italy di Airbnb Italia, che ci spiega i segreti del straordinario successo italiano di Airbnb

airbnb italia

Finalmente siamo riusciti ad intervistarlo. Era dalla BIT di febbraio che lo inseguivamo. Andrea La Mesa, direttore generale di Airbnb Italia, è molto impegnato. Ed è facile intuire perché. Airbnb sta crescendo in maniera esponenziale. Le nuove guide per i quartieri (come quella di Roma) stanno riscuotendo un grande successo. Il settore è fra i pochi a non conoscere crisi.

Quando ha scoperto Airbnb? Come è entrato nella sua vita?

Ero a San Francisco e ho trovato ospitalità grazie ad Airbnb. Ho scoperto come è nata la società e mi sono innamorato di questa idea. Ho voluto conoscere i fondatori di Airbnb e nel giro di pochi giorni ho deciso che volevo portare questa realtà anche in Italia. E così è stato, Airbnb in Italia è nata agli inizi del 2012.

Come é il rapporto con l’Italia e in generale come si muove e cresce Airbnb nel Belpaese?

In Italia nel 2012 abbiamo assistito a una crescita esponenziale del nostro servizio (+650%) ed è stata anche la crescita più alta registrata in Europa. Sul nostro sito è possibile trovare ogni tipo di alloggio, da una casa sull’albero a un castello dei Borgia, al trullo per offrire esperienze di viaggio uniche a diversi livelli di prezzo. Sono presenti appartamenti in zone residenziali, turistiche ma anche poco note.

Chi cerca un alloggio può quindi immergersi completamente nella cultura del posto, visitare zone conosciute dalle persone locali che non avrebbero visto se non avessero affittato con Airbnb e contribuire anche al potenziamento delle economie locali legate al territorio. Il nostro sito vuole anche essere un volano per l'economia nazionale del turismo e desideriamo offrire la possibilità a chiunque abbia spazi disponibili da affittare di partecipare alla crescita.

andrea la mesa airbnb

Perché questo successo? Come si spiega rispetto allo scetticismo italiano per la Rete e in generale all’effettivo digital divide?

Da un lato gli italiani hanno la cultura dell’ospitalità nel proprio DNA, e dall’altro le persone sono sempre più alla ricerca di un’esperienza unica. Airbnb, la cui filosofia si basa più sul rapporto umano che sulla condivisione, permette tutto questo.

Inoltre, l’attuale situazione economica particolarmente difficile fa sì che un reddito extra rappresenti per molte persone in difficoltà un aiuto considerevole. E sono molti gli utenti che hanno scelto di inserire la loro abitazione sul nostro portale. Sappiamo di storie molte belle, di persone che grazie ad Airbnb hanno potuto realizzare i propri sogni, mamme che hanno potuto lavorare part time e passare più tempo con i propri figli o chi ha avviato un’attività in proprio grazie agli introiti guadagnati. Insomma, ciò che mi riempie di soddisfazione è che Airbnb, oltre a essere un servizio ormai riconosciuto, offre un’opportunità in più a molte persone, che sia economica o umana.

Quali sono i servizi più particolari offerti sia agli ospiti che agli host?

A chi ospita, Airbnb fornisce una garanzia per danni dovuti a furti o atti vandalici fino a 700.000 Euro. Abbiamo un’assistenza clienti disponibile 24 ore al giorno, 7 giorni su 7 ovunque nel mondo, via telefono, email e live chat, in 16 lingue diverse.

I profili Airbnb aiutano gli utenti a crearsi la propria reputazione; i potenziali host e guest possono includere fino a venti foto (e video per gli host), collegamenti a Facebook e Twitter, recensioni e referenze di altri utenti. Possono inoltre lasciare recensioni solo dopo una prenotazione confermata e un soggiorno completato,testimonianza concreta di esperienza reale fra gli utenti. Inoltre le Connessioni Social permettono alla Community di vedere come gli utenti sono collegati fra loro. Airbnb offre anche il Manuale dell’ospitalità, disponibile sul sito, una guida dettagliata e precisa dedicata a tutti di coloro che iniziano a ospitare con una serie di consigli per ospitare responsabilmente.

Tutte le transazioni sono estremamente semplici e sicure, per garantire la tranquillità di guest e host. Il guest effettua il pagamento al termine del processo di prenotazione ma la somma sarà trattenuta da Airbn che la invierà all’host solo 24 ore dopo il check-in, per dare la possibilità al guest di controllare la qualità dell’alloggio e se è all'altezza delle sue aspettative.

Come aiuta a scegliere l'utente, Airbnb?

Airbnb mette a disposizione degli host l’intervento gratuito di un fotografo, che grazie a scatti professionali e di alta qualità valorizzerà ancora di più l’alloggio; ogni foto sarà identificata dalla filigrana “Verified Photo” che conferirà maggiore credibilità all’annuncio.

Inoltre abbiamo lanciato recentemente le Guide ai Quartieri delle città più conosciute, per i viaggiatori che desiderano andare alla scoperta delle esperienze più autentiche che ogni luogo offre. Gli utenti possono effettuare ricerche di alloggi in base al quartiere di preferenza e quindi visualizzare contenuti di qualità tra cui mappe del quartiere, foto, articoli, indicazioni su servizi pubblici e parcheggi che riguardano la zona di loro interesse, oltre ai suggerimenti da parte della community. Le Guide ai Quartieri sono disponibili per 11 città del mondo.

guide airbnb

Quali sono i paesi più richiesti come affitto delle case turistiche?

In Italia contiamo oltre 30.000 alloggi. Le città d’arte restano sempre le mete più ambite, Roma e Milano in testa, seguite da Venezia e Firenze. Ma stiamo registrando un aumento anche nelle zone marittime, soprattutto in vista dell’estate.

Cosa prevedete per il futuro? Ci sono delle novità in vista?

Airbnb sta crescendo sempre di più e ci auguriamo che possa continuare in questo senso. Sicuramente vogliamo estendere le nostre Guide ai Quartieri, che recentemente abbiamo reso disponibili per le principali città del mondo tra cui anche Roma e Venezia, per permettere ai viaggiatori di scoprire luoghi davvero unici, non molto valorizzati ma autentici.

Per Airbnb ogni giorno è un nuovo giorno, ricco di novità e opportunià che vogliamo cogliere per crescere sempre di più.

Qual é il rapporto di Airbnb con i social network e più in generale con la Blogosfera?

La forza di Airbnb è la community e siamo stati in grado di costruirla con un altissimo livello di fiducia tra gli utenti. Chi ospita può visualizzare al profilo di chi ha inviato la richiesta, il collegamento ai social network è una garanzia in più: si può andare sul profilo Facebook di chi affitta, verificare se si hanno amici in comune, e iniziare a conoscere anche chi di fatto non hai mai incontrato.

Airbnb ha un buonissimo rapporto con la blogosfera e i social network. Sono tanti i blogger che apprezzano il nostro servizio e la trasparenza, che hanno capito la filosofia e il valore di vivere esperienze veramente uniche.

I social network sono per noi un importante punto di incontro: attraverso i nostri profili Twitter, Facebook, Google+ e YouTube gli utenti ci contattano per chiedere informazioni e consigli sui nostri servizi.

Riguardo al caso newyorkese avete commenti da fare?

Vantiamo di un’efficiente assistenza clienti che ha l’obiettivo di rendere il nostro servizio più semplice e piacevole possibile. Dal momento che siamo presenti in 192 Paesi del mondo, non possiamo agire come consulenti per tutti i nostri utenti.

Poiché le normative locali sono diverse da regione a regione, prima di affittare un alloggio raccomandiamo ai nostri utenti di consultare un esperto del settore per capire come agire nel rispetto delle leggi. Ci aspettiamo che i nostri host rispettino le leggi locali, eventuali contratti e qualsiasi altra normativa in materia di affitto come specificato nei nostri Termini del Servizio e non solo. Airbnb segnala l’importanza di essere conformi alle normative vigenti nelle pagine dedicate agli Host Responsabili e ha realizzato un manuale dedicato all’host perfetto in cui è esplicitamente indicato l’importanza di seguire la legge.

Bè, direi che possiamo ritenerci molto soddisfatti, e per chi ancora non lo avesse fatto, provare personalmente Airbnb. Grazie infinite Andrea. E buon lavoro.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: