Austria, tour del Tirolo e del Salisburghese – ottava tappa: Hallstatt, Bad Aussee, St Wolfgang, St Gilgen, Attersee



La giornata prevede il giro del Salzkammergut, la zona dei laghi, che non può che iniziare dalla graziosissima Hallstatt, piccola località che ha ottenuto il riconoscimento di “più bella cittadina lacustre del mondo”. Un titolo forse eccessivo, ma passeggiare sul lungolago, da cui si può apprezzare una particolare mostra d’arte moderna allestita sull’acqua, e tra le curatissime vie del paese, pullulanti di panetterie, ristoranti e negozi di souvenir, è molto piacevole. L'atmosfera idilliaca viene parzialmente turbata dalla visita al Beinhaus, l'ossario che si trova dietro la chiesa parrocchiale: una raccolta piuttosto macabra di oltre 1200 teschi dipinti con motivi floreali e i nomi dei defunti. Brrr…

Peccato che i parcheggi siano tutti a pagamento (e a caro prezzo!)… Comunque ne valeva la pena e così, dopo aver “saldato”, prendiamo la via di Bad Aussee, paese di montagna di cui le guide parlano molto bene e dove dovrebbe attenderci una stupenda caffetteria panoramica. Sfortunatamente anche la Lonely Planet a volte sbaglia, e ci troviamo in un locale che ricorda un autogrill incastrato tra una strada piuttosto trafficata, un ristorante (dove poi abbiamo pranzato) e qualche ettaro di prato non particolarmente suggestivo.

Nel pieno della digestione e sotto un sole cocente (32 gradi di caldo inatteso) decidiamo di visitare il giardino alpino, una piccola oasi, con tanto di laghetto, dove ammirare una grande varietà di flora tipica della montagna. Anche la vegetazione, però, risente dell'afa anomala e non offre un bello spettacolo.

La delusione viene però presto dimenticata arrivando a St Wolfgang, paese delizioso con un bel lungolago e proseguendo per St Gilgen dove si trova il museo di strumenti musicali raccolti, nei decenni, da una famiglia del luogo. Ce ne sono circa 1800 e il custode, figlio dei collezionisti, ci accoglie suonandone alcuni: scacciapensieri provenienti da varie parti del mondo e uno strumento cinese simile ad una viola orizzontale. Lui sostiene di saperli suonare tutti quanti, ma preferiamo fidarci della sua parola e, dopo aver trascorso circa un'oretta ad ascoltarlo con piacere, usciamo per goderci un bel gelato sulle sponde del lago, con i germani reali che ci fissano affamati!

Dovendo scegliere l'ultima tappa della giornata, e anche il luogo in cui cenare, approdiamo all'Attersee, il più grande lago austriaco. Qui, per caso, abbiamo scoperto che esiste un percorso che segue il perimetro dello specchio d'acqua e che è stato dedicato al famoso artista austriaco Gustav Klimt, che proprio da questi scorsi trasse ispirazione per molti suoi lavori.

Le foto dell'ottava tappa...

Le opere sul lagoHallstattHallstatt1
Hallstatt2BeinhausGustav Klimt
Hallstatt3Hallstatt4Il giardino dei fiori alpini

  • shares
  • Mail