Il Cimitero degli Inglesi di Roma

Il Cimitero degli Inglesi di Roma

Il Cimitero Acattolico di Roma, questo è il vero nome del cimitero che i romani conoscono come il Cimitero degli Inglesi, contiene una delle più alte densità di tombe di personalità famose ed importanti in tutto il mondo, tra le quali spicca, John Keats, uno dei poeti più famosi d'Inghilterra, morto all'inizio del 1820 di tubercolosi all'età di 25 anni, dopo un viaggio in Italia, alla ricerca di una clima migliore che lo aiutasse nella cura della malattia.

Oltre ad essere l'ultima dimora dei poeti Keats e Shelley, un altro grande della letteratura inglese, è anche sede di tombe di molti altri pittori, scultori e scrittori, che sono morti a Roma, sia che vivessero stabilmente, che vi soggiornassero momentaneamente. Il cimitero, le cui sepolture più antiche risalgono al 1730, è uno dei più antichi cimiteri in Europa.

Dal momento che le norme della Chiesa cattolica vietavano di seppellire in terra consacrata i non cattolici — tra cui i protestanti, gli ebrei e gli ortodossi — nonché i suicidi, questi, dopo morte, erano "espulsi" dalla comunità cristiana cittadina e inumati fuori dalle mura (o al margine estremo delle stesse). Le inumazioni avvenivano di notte per evitare manifestazioni di fanatismo religioso e per preservare l'incolumità di coloro che partecipavano ai riti funebri. Wikipedia.

Il Cimitero Acattolico, è visitabile dal lunedì al sabato dalle 9 alle 17:00 (ultimo ingresso alle 16:30) e dalle 9 alle 13.00 (ultimo ingresso 12.30), la domenica e i festivi. Seguendo le indicazione sul sito, sono possibili anche visite di gruppo e visite guidate (fate una donazione, mi raccomando). Vicino la Piramide Cestia, per cui fermata Piramide della linea B della Metropolitana di Roma.

Vedi anche San Pietro visto dar buco dell'Aventino, 101 cose da fare a Roma di notte, e tutto il Caravaggio di Roma.

Foto Getty Images.
Il Cimitero degli Inglesi di Roma
Il Cimitero degli Inglesi di Roma
Il Cimitero degli Inglesi di Roma
Il Cimitero degli Inglesi di Roma

  • shares
  • Mail