Muriwai Beach in Nuova Zelanda, uomo ucciso da uno squalo

Muriwai Beach in Nuova Zelanda
Un uomo è stato attaccato ed ucciso da uno squalo, mentre nuotava nelle acque davanti Muriwai Beach in Nuova Zelanda. Le indagini sono ancora in corso, e le polizia, per il momento, non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali, ma dalle prime testimonianze raccolte, sembra che ad attaccare sia stato un esemplare di squalo bianco ("a massive great white").

L'attacco sarebbe stato notato da alcune persone sulla spiaggia, alcune delle quali avrebbero immediatamente chiamato i mezzi di soccorso, arrivati quasi subito con un elicottero ed alcune imbarcazioni di soccorso. Un ragazzo, nel tentativo di aiutare il bagnante in difficoltà, avrebbe sparato una ventina di colpi in acqua.

Dai primi racconti, la scena deve esser stata terribile, con l'uomo che chiedeva aiuto dopo aver subito il primo attacco. Ma non c'è stato modo di aiutarlo, e l'uomo è stato nuovamente attaccato dallo squalo, che si è allontanato dalla zona, solo dopo l'arrivo dell'elicottero. Non è chiaro se la polizia sia riuscita ad uccidere il grosso animale.

Muriwai è una località che si trova a circa 40 chilometri a nord ovest da Auckland, dove si trova una grande colonia di Sule. Muriwai è molto popolare tra i neo zelandesi, soprattutto tra i surfisti e pescatori. Le spiagge di questa zona, dove tra gli anni '20 e '40 si disputavano anche corse motoristiche, tendo ad un caratteristico colore scuro (quasi nero) a causa delle forte presenza di ferro, originato da antiche attività eruttive nell'area.

Vedi anche gli squali dell'acquario di Genova, lo Shangai Ocean Aquarium: il più grande acquario marino d'Asia e l'attacco dello mortale dello squalo a Sharm el Sheik nel 2010.
Via The Australian e Stuff.co.nz.
Foto | Sarah McMillian

  • shares
  • Mail