La terra dei cowboy e degli indiani


Probabilmente chi ha intenzione di fare un viaggio in New Mexico è qualcuno che ha già visitato molte parti del "globo terracqueo" ed è alla ricerca di posti molto particolari. Oppure ha appena letto qualche libro dello scrittore americano recente vincitore del Pulitzer, Cormac McCarthy. Questo grande scrittore ancora non conosciutissimo in Italia ha ambientato al confine tra Stati Uniti e Messico, dalle parti di El Paso lungo quella strada che corre in mezzo al deserto e alle cattedrali di roccia verso la mitica città messicana di Chihuahua, una indimenticabile trilogia che racconta la storia del West dall''800 su, su fino agli anni '50 del secolo scorso.

Il New Mexico e il Texas, come migiaia di km di pellicola cinemtografica ci hanno ormai insegnato, sono terre lunari dove la natura è immensa e l'uomo piccolo. Sono le terre dei cowboy e della storia di Billy the Kid, il leggendario pistolero con la faccia da bambino e degli indiani Comanches. Sono le terre delle antichissime e affascinanti pitture rupestri. Le terre di film bellissimi come The Milagro Beanfield War di Redford, Billy the Kid, Butch Cassidy and the Sundance Kid e di tantissimi vecchi western. Il nostro grande Sergio Leone poco o nulla girò da queste parti, ma le case di adobe e quese piane desolate erano l'ossessione che produsse i suoi capolavori.

Per me saranno sempre le terre dove il buon Mccarthy ha fatto meravigliosamente vivere e morire "il cowboy tutto americano" John Grady Cole.

Qui trovate il sito del Dipartimento del turismo del NM e qui il sito della NM Film Commission con l'infinita filmografia girata da queste parti... hasta la vista gringos!

Foto Bart Aldrich's photostream

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: