Dal 2001 si potrà surfare a Londra

Bondi beach in Australia
I veri surfisti già li chiamano surfer al cloro, ma gli entusiasti del progetto di Steve Jones che per il 2011 aprirà una piscina con onde oceaniche per surfisti a Londra (a Silvertown Quays per la precisione), sostengono che sarà il modo migliore per evitare la folla di praticanti che si registra ormai in tutti i migliori spot del mondo, come dimostra la foto di bondiben che riprende la spiaggia di Bondi in Australia.

Si tratta di un progetto di Venture Capital (quello di cui i nostri politici iniziano a parlare solo oggi e da altre parti fanno da almeno 10 anni) che costruirà una piscina per surfers, con tanto di spiaggia, palme e barbecues, dove prima c'erano magazzini per lo stoccaggio di grano (lesson 1 per i nostri politici: questa si chiama innovazione).

Si prevede un'affluenza di 100.000 surfers (ma anche di body-surfers) all'anno, che potranno anche prendere lezioni per imparare a cavalcare le onde (100 metri), al costo di 30 sterline l'ora. Costo del progetto: 20 milioni di sterline. Via The Guardian.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: