Le vie dell'Arte nel Parco delle Madonie

Exhibart intervista Salvatore Lacagnina, curatore de Le vie dell’Arte, il grande progetto en plein air promosso dall’ente Parco Madonie. Ieri l’anteprima e a Novembre l’opening, Parco delle Madonie il sito ufficiale.

Che cos’è Le vie dell’Arte? Raccontaci come si è articolato il progetto in quest’anno e che cosa è diventato ora, alla vigilia della sua prima presentazione.

Le vie dell’arte è il tentativo di dare senso a un viaggio. Di disegnare una mappa, per consentire di orientarsi (o di perdersi) all’interno di un territorio.
Insieme al fotografo Salvatore Gozzo - che mi ha accompagnato e spesso guidato in questo anno di lavoro – abbiamo inventato “il gioco delle relazioni visive”, tra emergenze visive interne e esterne al parco: l’Etna, le isole Eolie, le montagne più alte, i centri abitati. Le mappe sono ormai così ricche di informazioni che risultano quasi illeggibili. Sono come la nostra società… L’eccesso di informazioni non è positivo per la conoscenza.
  • shares
  • Mail