La Costa dei Castelli: Lindisfarne vista da Antonio


Il nostro post su Lindisfarne ha smosso il cuore di Antonio, nostro lettore che oggi ci ha mandato qualche dritta sull'isola inglese con una stupenda galleria di panorami. Antonio ci spiega:

Dalla costa nord di Holy Island, quella del castello, si puo' chiaramente vedere un altro famoso (in UK) e storico castello: quello di Bamburgh. La storia narra della rivalita' fra i castellani di Holy Island (a quel tempo parte della Scozia) e quelli di Bambrough (Inglesi). Inoltre, proprio a largo di Bamburgh ci sono le Farne Islands, arcipelago incontaminato popolato da specie animali artiche.

Holy Island e Bamburgh sono solo due delle attrazioni della costa nord-est inglese, chiamata dai locali la Costa dei Castelli: il castello di Alnwick (che forse molti conoscono come l' Hogwarth dei film potteriani), (le rovine del) castello di Dunstanburgh e, poco piu' sotto, la bellissima Durham con la sua cattedrale (la piu' antica d'Inghilterra) e castello (mai visto il film Elisabeth?) e la storica Newcastle con le mura di Adriano che vi terminano (Robin Hood di Costner) ed il castello che gli da' il nome sono gli altri pezzi di un puzzle di storico ed artistico assolutamente ancora intatto e da scoprire.

La posizione astronomica da quelle parti genera inverni con poche ore di luce (alba dopo le 8 e tramonto e' poco dopo le 14) ed estati con molte ore di luce (alba verso le 3 e tramonto e' dopo le 23), quindi sconsiglierei di visitare quei posti in inverno. Se lo fate, portate dei giacconi belli pesanti e, soprattutto, impermeabili. Dopo tutto, siamo alla stessa latitudine di Copenaghen. Uno strano fenomeno pare si verifichi nel periodo del solstizio d'estate: la strana posizione astronomnica di Bamburgh fa si' che si veda la luce rossa del tramonto in un lato del castello, e la luce bianca dell'alba dall'altra parte del castello. Ovviamente, tutto cio' quando il cielo e' limpido.


Arrivare sull'isola, se non auto-muniti e' interessante: Il centro abitato piu' vicino e' Beal, e se lo si raggiunge c'e' una passeggiatina di 5 miglia fino all'isola. Non bisogna disperare, comunque, dato che dalla vicina Berwick Upon Tweed parte l'autobus 477 che porta sull'isola. Occhio, pero': frequenze ed orari sono (ovviamente) fortemente soggetti alla marea, ed e' sempre un'illuminante idea controllare tali orari. Un altro autobus, il 505/515, collega Berwick Upon Tweed a Newcastle Upon Tyne, l'aeroporto piu' vicino insieme ad Edinburgo.

La maniera, secondo me, piu' bella di arrivare a Holy Island e' comunque il treno da Londra. Sono, si', 4 ore di viaggio ma si attraversa tutta l'Inghilterra con la sua varieta' di paesaggi: da King's Cross, partenza del treno, si passa per la campnagna del sud inglese, su su verso le centrali nucleari in mezzo al nulla delle midlands fino ad arrivare ai paesaggi mozzafiato del nord-est inglese, a confine con la Scozia. Il treno e' anche la maniera piu' economica di viaggiare, dato che in UK il prezzo dei treni funziona alla stessa maniera dei voli low-cost: prima si prenota, meno si spende.

Personalmente raccomanderei di non pernottare sull'isola: c'e' un solo hotel ed un solo pub, che e' l'unico svago quando la marea sale (e quindi i turisti vanno via).









  • shares
  • Mail