Dove mangiare a Napoli, trattoria A Pignata

SpaccanapoliUn mio amico si è fatto un week-end a Napoli, città che conosce bene, dove ritorna sempre volentieri. E da quando il treno veloce unisce Napoli a Roma, il viaggio non è più una scusa per rimandare la visita. Unica accortezza, muoversi con anticipo, così da acquistare a buon prezzo. E come sempre, mi informo, e mi impiccio. "Questa volta, cosa ti è piaciuto della visita?". E sorpresa, questa volta non si è trattato di una chiesa, di una piazza, o di una mostra, ma di una trattoria; la trattoria a Pignata.

Mi ha raccontato di averla trovata dopo aver fatto ricerche sul web (vedi ad esempio su TripAdvisor). Centrale, per cui si trovava sul suo itinerario, economica, ma soprattutto buona. "Guarda, come al solito abbiamo fatto antipasti e primi, con dolce e bevande. Prezzo economico, che a Roma, manco la pizza. E poi era buona! Non tanto gli antipastini, comunque vari e buoni, ma la pasta. A base di pesce e fatta in casa. Veramente buona!". Il consiglio? Meglio prenotare.

Quindi consigliata. Consigliati, anche se non con lo stesso trasporto, anche il soggiorno al Palazzo Caracciolo, la passeggiata per spaccanapoli, e la visita alle catacombe di San Gennaro, probabilmente il maggior monumento del cristianesimo a Napoli. Unico neo, non poter attaccar bottone con nessuno, a meno di non voler affrontare una torma di venditori.

Vedi anche Palazzo dello Spagnolo, il castello di Baia e il museo dei Campi Flegrei, e i 6 sedili di Napoli.
Foto | Phlegrean

  • shares
  • Mail