New York: Liberty island e la Statua della Libertà

Liberty island, New YorkDifficile arrivare a Manhattan a New York e restire alla tentazione di dare un'occhiata alla Statua della Libertà, almeno dal Battery Park. Se si ha tempo però una visita alla statua conviene darla da vicino, non fosse altro per le fotografie che si possono scattare dalla sua sommità.

Per arrivare sull'isola, qui ripresa da cheikhyass, occorre prendere il battello che parte da Battery Park; al momento l'ingresso al monumento è libero, per cui basta acquistare il passaggio sul traghetto che costa intorno ai tredici dollari. Il sito della Circle Line, la compagnia di trasporto, è molto ben fatto; è possibile consultare gli orari di partenza ed anche acquistare in anticipo i biglietti che potranno poi essere ritirati sul posto. Come consiglio è preferibile prenotare la visita ed effettuarla la mattina presto, per evitare le ore di maggior affolamento e le inevitabili file, lines, che si formano.

La visita alla statua prende circa due ore, anche se molti uniscono a questa visita, quella ad Ellis Island, dove gli emigranti, tra cui moltissimi italiani, dovettero passare il periodo della quarantena. Spesso coloro che poi visitano anche Ellis, si organizzano in modo da consumare un breve pic-nic sul prato di Liberty Island.

La statua fu progetta da Eiffel, l'ingegnere a cui si deve anche l'omonima torre a Parigi, e fu donata dalla Francia agli Stati Uniti in occasione del primo centenario dell'indipendenza americana. Costruita in Francia fu trasportata a pezzi, 350, a New York e qui riassemblata...insomma Ikea non si è inventa niente.

  • shares
  • Mail