Il Lincoln Memorial di Washington

lincoln memorial di washington
A guardarlo sembra di essere in Europa, poi però, notando le dimensioni, l'ottimo stato di conservazione, ed il perfetto prato all'inglese che lo circonda, capiamo che non siamo nel Vecchio Continente, ma in quello Nuovo, al primo, legato dalla storia e dalla cultura.

Siamo a Washington D.C., la capitale degli USA, e il tempio ripreso nella fotografia, è il Lincoln Memorial, l'edificio dedicato ad uno dei più controversi padri della storia americani. Fu il Presidente che ratificò l'abolizione della schiavitù, fu il Presidente a capo dei "nordisti", durante la guerra civile americana (1861-1865), fu il Presidente assassinato a teatro, dopo la fine della guerra.

Foto | loco's photos

L'edificio, un tempio di stile dorico, costruito tra il 1911 e il 1914, conserva al suo interno l'enorme statua del Presidente, seduto su di una sedia, con lo sguardo severo rivolto verso l'orizzonte, o il futuro, novello Zeus dei tempi moderni. Fu davanti a Lincoln, alla sua statua, che il 23 agosto 1963, Martin Luther King, pronunciò il suo celebre discorso, introdotto dall'ormai celebre "I have a dream".

Secondo una leggenda metropolitana, il Presidente sarebbe stato raffigurato nell'atto di comporre le lettere A. L., le sue iniziali, nel linguaggio dei segni dei muti. In effetti, se si guarda bene alle mani, la destra potrebbe essere un A, e la sinistra una L.

Il Lincoln Memorial si trova all'interno del National Mall, il grande viale monumentale di Washington, all'estremo opposto di Capitol Hill, il Campidoglio; circa tre chilometri tra i due monumenti (certo più facili da percorre dei Giardini della Reggia di Caserta). Il Lincoln Memorial è sempre aperto, ma è meglio visitarlo, durante l'orario di servizio dei rangers (dalle 9:30 alle 23:30). Ingresso gratuito.

Vedi anche il cottage di Lincoln, il museo delle spie, il fast food preferito da Obama, e la vicina Williamsburg, la città dove ancora oggi vivono i primi coloni americani.

  • shares
  • Mail