Magicland a Valmontone, una mini recensione; a me non è piaciuto.

Questo sabato, complice la promozione del gelato (un biglietto gratis acquistando un gelato motta), e l'orario prolungato fino alle 22, abbiamo portato la piccola (papà mi ci porti?) a Magicland, il parco divertimenti di Valmontone. Siamo entrati alle 10, proprio mentre aprivano le attrazioni, e siamo usciti alle 9 di sera; 11 ore dentro il parco, durante le quali la piccola ha potuto fare 7 attrazioni ("La Rapida", "Yucatan", "L'olandese volante" -2 volte-, "Huntik 5 D", "Bombo", "Pianeta Winx") e partecipare a 4 spettacoli ("Planetario", "Gladiatori", "Oceania", "Bombo interactive show" e Castello di Alfea"). Vista l'età della bimba, abbiamo saltato tutta la parte dedicata ai più piccoli ("Il regno dei piccoli"). Ed anche se mio marito, lasciandomi sola con la piccola, si è fatto un giro su "Shock" e "Mystica", alla fine siamo stati concordi nel dichiararci delusi.

Il motivo è presto detto; file e numero attrazioni, che forse sono cose da collegare tra di loro. Era ormai sera, quando per l'ultimo giro sull'Olandese Volante, abbiamo fatto solo 15 minuti di fila (e 5 minuti di fila alle 14 per Mystica). Tolti questi due casi, si è trattato di file che sono durate dai 45 minuti, all'ora e 15 di Huntick 5 D. Poche attrazioni, o almeno ci sono sembrate poche, e forse le lunghe file, erano dovute proprio al rapporto (sbagliato) tra numero di visitatori (molti) e numero di attrazioni (poche).


Insomma su 11 ore, tolte un paio d'ore per le pause, l'ora e mezza per gli spettacoli, fanno 7 ore e mezza spese per le attrazioni; ma volendo possiamo anche essere di manica larga, e dire 7 ore. Ora quanto dura un giro per le rapide, o sull'otto volante? Poco, molto poco; qualche minuto, per cui 7 attrazioni per 5 minuti (e sono stata molto larga), fanno 35 minuti. Tutto il resto, 6 ore e mezza, sono state file, tante, interminabili file.

E poi c'erano i bagni, i bagni delle donne, mi spiace dirlo, in condizioni indecenti. Ed è strano, perché il parco era pulito, non pulitissimo come un prato svizzero, ma in buone condizioni di pulizia. E ci sono tanti bagni, sparsi per tutto il parco, e mio marito mi ha detto che quelli degli uomini erano puliti, e di solito, sono i loro bagni ad essere quelli più sporchi. E invece no; sabato a Magicland i bagni delle donne (ne ho provati almeno 4), erano in condizioni indecenti; chissà come mai.

Ma non è andato tutto storto; la fila alla cassa è stata veloce, il parco come struttura (intendo lo stato delle attrazioni, dei negozi, dei vialetti, giardini, laghetto, etc..) è bello, ben tenuto (c'è da dire che è nuovo), anche se stranamente non c'erano cartelli per indicare le attrazioni, per cui munitevi di mappa all'ingresso. Diversi locali dove mangiare (ma noi ci siamo portati il pranzo da casa), e parcheggio comodo (ma eravamo arrivati presto...), a 5 euro. Personale gentile e professionale, un po' misera la parata, con pochi personaggi-pupazzi, a sollevarci con la loro presenza, dalla noia delle file. Parco ben segnalato dall'uscita dell'autostrada (quasi impossibile perdersi).

Vediamo ora le attrazioni e gli eventi che siamo riusciti a fare, non tutti, perché per le interminabili file, non siamo riusciti a fare "Cagliostro", "Maison Houdini" e l'"Isola volante" (ma questa non ci interessava poi tanto), né a vedere lo "Stunt Show", e lo spettacolo del "Gattobaleno".

La Rapida, mezz'ora di fila, per poco più di 2 minutini di discesa tra le rapide, molto poco rapide. Poco emozionante, buono per rinfrescarsi (ci si bagna) nella giornate più calde.

Yucatan, 45 minuti di fila, per scendere da degli scivoli, tra grandi spruzzi d'acqua (ci si bagna). Anche qui, due-tre minuti, ma almeno emozionanti, con due discese nell'acqua (meglio dell'analoga attrazione di Mirabilandia, dove però ho fatto molta meno fila).

L'olandese volante, montagne russe, difficoltà media (quindi per tutti, grandi e piccini). Prima volta 50-60 minuti di fila, seconda volta 15 minuti (il giusto...), per un piacevole giro sull'otto volante.

Huntik 5 D, il peggio della giornata. Filone fantozziano da 60-75 minuti, per 3-5 minuti, passati a sparare a cartoni animati in 3D. Molto meglio l'XBOX, a casa propria.

Bombo, 45 minuti di fila, per 2 minutini di giro sull'otto volante per i più piccolini ( o per chi deve iniziare...). Adeguato al target (se non fosse per la fila, naturalmente).

Pianeta Winx, 50-60 minuti di fila, per il niente. Uscendo la piccola mi ha chiesto: "Mamma, perché siamo venuti a questo gioco?".

Mystica, pochissima fila (perché è molto alto o perché erano l'ora di pranzo?). Emozionante per l'altezza (veramente molto alto), meno per la caduta libera, troppo breve (forse 3 secondi prima di frenare).

Shock, forse l'unica vera attrazione, nel senso vero del termine (io vado lì, per fare quella cosa). Otto volante emozionante, con partenza a razzo in salita, e prima discesa da stomaco in gola. 45 minuti di fila, con i ragazzotti (14-20 anni), che saltavano impunemente la fila (altrimenti sempre ordinate, e lunghissime, ma questo l'ho già detto).

"Planetario", filmato davvero divertente, che dura 15 minuti. Da fare, se non fosse per la fila. La cosa strana è che è segnalato uno spettacolo ogni mezz'ora, ma non ci hanno avvertito del "si entra fino ad esaurimento" posti (anche se ovvio), ne c'era, come in tutte le altre file, il cartello con l'indicazione "da qui 15-30-45-60 minuti di fila". Per cui, pensando di entrare, siamo arrivati dieci minuti prima dello spettacolo programmato, e, non potendo poi entrare, abbiamo dovuto aspettare altri 20-30 minuti buoni, in fila, per lo spettacolo successivo.

Gladiatori, altro spettacolo programmato, nessuna fila (siamo arrivati 10 minuti prima dell'orario programmato), ma spettacolo evitabile.

Oceania, spettacolo programmato, del tipo circense, con scenografia serale sul laghetto. Bravi e bello; 15 minuti.

Bombo interactive show, spettacolo programmato, nessuna ulteriore fila, per bambini. La piccola si è divertita.

Castello di Alfea, spettacolo programmato, al quale si attende all'aria aperta, e visto che faceva molto caldo, grande disagio tra i più piccoli, e le mamme. Evitabile, anche per i piccoli, viste le condizioni in cui vi abbiamo assistito.

La chicca me la sono lasciata per ultimo; il Magic Pass, 18 euro per saltare la fila. Ora anche se sul sito è riportato che "Permette di saltare le code? No, abbrevia i tempi di attesa permettendo di accedere alle attrazioni da un percorso privilegiato", di fatto fa saltare la fila, perché se i comuni clienti, entrano dall'ingresso normale, filone fantozziano, quelli più belli entrano dagli ingressi speciali, dove non c'è alcuna fila. Forse dicono che non è un "salta la fila" perché, nel caso, aspettano 1 turno per salire, avendo già passato il tornello?

E' un salta la fila, e imho, è uno strumento molto antipatico, perché il messaggio che trasmette è quello "più paghi, più hai". Capita poi, come a noi nel Planetario, che l'entrata di questi privilegiati-paganti (avvenuta non solo da un altro ingresso, ma prima degli spettatori normali, permettendo ai fortunati, anche di scegliersi i posti migliori), faccia saltare il turno, senza avere alcuna possibilità di saperlo in anticipo.

Mi spiego; stando in fila, anche quando non c'è il cartello con il conta-tempo ("da qui si fanno 15 minuti di fila"), contando il numero di persone in fila davanti a noi, si può avere un'idea di quando arriverà il proprio turno. Non è così quando ci sono i salta-la-fila, imboscati da qualche parte, che entrano prima di te, da un'altra porticina. Tiè, beccati questo.

Insomma, se me lo chiedete a me, non ve lo consiglio nei giorni del tutto esaurito; il rapporto tempo speso nelle attrazioni e in fila non vale la candela, ed il prezzo del biglietto (i più maligni nelle file, sostenevano che le file erano create ad hoc, per spingere la vendita dei salta la fila).

Non ve lo consiglio neppure se siete alla ricerca del grande parco, quello che vi stupisce con le sue dimensioni, con la grandezza e spettacolarità delle attrazioni (ed è strano, visto il bacino d'utenza che va da Roma a Napoli). Se questa è la vostra aspettativa, vi dico, che io l'ho soddisfatta a Mirabilandia e Gardaland.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: