Cosa fare e cosa evitare a Siviglia: consigli di viaggio

Sono stata qualche giorno in vacanza a Siviglia in Spagna ad inizio luglio. Devo dire che sotto l'aspetto architettonico è una bellissima cittadina, visitabile in 3 giorni (facendo le cose con comodo). Ecco quindi, qualche utile consiglio per affrontare la propria vacanza sivigliana, visto che sotto l'aspetto turistico-organizzativo non è propriamente a misura di turista...

Siviglia è visitabile in pochi giorni, perché le principali attrazioni sono tutte facilmente accessibili e senza bisogno di grossi tempi di attesa/visita. Vi consiglio tre giorni, comprensivi di arrivo/partenza. Partite dai monumenti must see: la Giralda e la cattedrale, il Real Alcázar, Plaza de España e Plaza de Toros. Sono tutti parecchio vicini ed in una giornata potete visitarli senza problema. Tranne Plaza de España, che è aperta, i restanti sono a pagamento: 8 euro per Giralda+Cattedrale, 8,50 euro per il Real Alcázar e 6,50 per Plaza de Toros. In serata, con solo 1,30 euro potrete salire sul Metropol Parasol, vedere una bella visuale notturna di Siviglia e magari mangiare qualcosa sul ristorante panoramico.

Come secondo percorso concentratevi sulla visita dei palazzi privati: Casa de Pilatos (8 euro i due piani) e Palacio de la Condesa de Lebrija (8 euro i due piani). Sono due case private i cui proprietari per generazioni hanno collezionato opere d'arte, recuperato pezzi di altri palazzi storici, conservato reperti archeologici, manufatti e manoscritti. Meritano una visita, soprattutto la Casa de Pilatos, per la quantità di opere e la bellezza delle strutture. Dopo queste visite potete fare un salto ai diversi quartieri: Barrio Santa Cruz (di giorno) e Barrio di Triana (di sera), dove troverete tanti bei negozietti e ottimi posti dove mangiare (assaggiate assolutamente il Gazpacho e il Salmorejo, un bicchiere di sangria e una buona birra. Fate attenzione a selezionare dove mangiate la Paella, ottima quella del ristorante La Cueva in plaza Doña Elvira nel cuore del Barrio Santa Cruz). Se siete appassionati di Flamenco potete anche cercare uno spettacolo: ce ne sono ogni sera in tanti bei localini.

A questo punto avete già visitato le cose più caratteristiche di Siviglia. Se volete potete prendere il citybus a due piani, e passare un'oretta guardando la città (se lo fate di giorno d'estate attenti al sole nella parte scoperta!), altrimenti se siete appassionati di arte potete visitare l'Hospital de los Venerables e l'Hospital de la Santa Caridad che contengono opere di importanti pittori spagnoli, uno su tutti Bartolomé Esteban Pérez Murillo (per entrambi entrata a pagamento sui 6/8 euro), e il Museo delle Belle Arti (entrata gratuita per i cittadini UE). Ma visitateli solo se siete davvero appassionati di questi artisti! Altrimenti lasciate perdere. Potreste, però, dedicarvi a fare una passeggiata al mercato che si trova sotto il Castillo San Jorge (che fu sede dell'Inquisizione, ma non perdete tempo nel museo, non vi è niente inerente l'Inquisizione! è un museo di quartiere), dove potrete trovare i tipici dolci sivigliani a pochissimo prezzo (1/2 euro) mentre nel centro città li vendono il doppio. Inoltre vi imbatterete in pesce, carne e frutta fresca! Un bel vedere.

Queste le cose da fare. E cosa non fare? Prima di tutto visitare il museo del Flamenco: costa 10 euro e se non siente provetti ballerini, vi lascerà delusi: tre piani con poca roba, qualche filmato interessante sui balli, qualche vecchio abito di scena, ma niente di più. Visti i costi (eccessivi) dei biglietti di ingresso lasciate perdere anche il Museo delle Carrozze e tutte le chiese a pagamento, se avete tempo visitate quelle gratis. L'escursione in battello del fiume Guadalquivir (unico fiume navigabile della Spagna) a me non è piaciuta: costa 16 euro e alla fine si sta seduti abbastanza scomodi guardando la città dal fiume per un'ora. Se siete già stati sul citybus è un di più, ma se non resistite a farlo scegliete di farlo alle 22 con l'ultima partenza: ammirerete la città illuminata di notte.

Se siete dei viaggiatori iperattivi e volete visitare tuttotutto, allora il consiglio è di fare la Sevilla card: per 72 ore costa sui 65 euro on line e vi consente di entrare in tutti i luoghi citati, prendere il citybus e il battello ed avere anche una tapas ed un bicchiere di vino in omaggio. A conti fatti (io l'ho presa) si risparmia. Se avete tempo, inoltre, potete anche andarvene al parco di divertimenti di Siviglia, Isla Magica: ma fate attenzione, non c'è scritto ma il lunedì è chiuso!!!

Vedi anche Siviglia d'alto e il Mercadillo del Jueves.
Metropol Parasol
Real Alcazar
Panorama dalla Giralda
Plaza de Toros
Plaza de Espana

  • shares
  • Mail