Franceschini cambia la gestione dei Musei italiani


"La situazione che abbiamo trovato un anno e mezzo fa, ne abbiamo parlato a lungo in una riunione questa mattina di otto ore, i musei statali, più di 400 luoghi di cultura dello Stato, non esistevano giuridicamente". Lo ha detto il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini alla presentazione a Roma dei nuovi 20 direttori di Musei al Mibact.

"Le sovrintendenze oggi si occuperanno solo di tutela del territorio, i musei dipenderanno da una direzione generale musei che non c'è mai stata. Ogni museo, anche quelli non autonomi, avrà un bilancio, uno statuto, un funzionario delegato, una sua autonomia contabile, e dentro questo percorso abbiamo scelto di immaginare un percorso alternativo alle normali regole della pubblica amministrazione per l'assunzione di 20 direttori di musei autonomi".

E così i venti nuovi superdirettori dei Musei italiani, sono stati presentati in pompa magna presenti non solo il ministro Franceschini ma il presidente del consiglio Matteo Renzi. Che ha parlato di una rivoluzione
museo-italiano-cleopatra.jpg
Foto Victor R. Ruiz.

  • shares
  • Mail