La festa del Redentore 2015 a Venezia


La Festa del Redentore è tra le festività più sinceramente sentite dai veneziani, in cui la matrice religiosa convive con la magia regalata dallo spettacolo pirotecnico. È infatti ormai famoso lo show che si ripete ogni anno nella terza domenica di luglio inondando l’inimitabile palcoscenico del Bacino di San Marco di giochi di luce e riflessi variopinti in un gioco caleidoscopico di colori che si stagliano fra i campanili, le guglie e le cupole della città.

La festa venne istituita alla fine della terribile pestilenza che decimò la popolazione della Serenissima durante il XVI secolo. L’allora Doge fece voto di costruire una meravigliosa basilica se l’epidemia fosse cessata e, tenendo fede al voto, la terza domenica di luglio del 1577, venne posata la prima pietra della Chiesa del Redentore, una delle 10 chiese più belle di Venezia, sull’isola della Giudecca.

Per celebrare la fine dell’epidemia venne posto un ponte galleggiante fra la città e la Giudecca ed il popolo e le più alte cariche e rappresentanze della Repubblica vi sfilarono in processione. Il programma, da confermare, prevede l'apertura del ponte votivo nel tardo pomeriggio di sabato 18 luglio, i fuochi pirotecnici intorno alla mezzanotte di sabato, le regate del redentore domenica 19 luglio, con conclusione la sera del 19 con la Santa Messa Votiva presso la Chiesa del Redentore all’isola della Giudecca.

festa-del-redentore.jpg

Foto Rogerhoward.

  • shares
  • Mail