Ma cosa succede al Terminal T3 dell'aeroporto di Roma Fiumicino?

A più di un mese dall'incendio che si è sviluppato nel Terminal 3 dell'Aeroporto di Fiumicino, provocando numerosi disagi a voli, passeggeri e lavoratori, è ancora pesante la situazione in cui ancora si trova questo settore dell'aeroporto. Il video registra il comprensibilissimo e giustificato sfogo di un passeggero, per le lentezze ed inerzie della Pubblica Amministrazione.

Secondo i tecnici dell'Istituto Superiore di Sanità, consegnate il 26 giugno al Ministro della Salute, nell'area del Terminal 3 vi sarebbe ancora la forte presenza di contaminanti, ancora attivi nell'area dell'aeroporto di Fiumicino. In particolare diossina, con valori di 30 volte superiori rispetto al limite considerato dall'ISS.

Ma per l'ADR e l'ENAC i valori sarebbero nei limiti previsti dall'Organizzazione Mondiale della Salute previsti per un ambiente industriale. E qui che casca l'asino, perché se per ENAC e ADR l'aeroporto è un ambiente industriale, per l'ISS non lo è. E visto che a decidere dovrà essere la Pubblica Amministrazione, siamo sicuri che la soluzione non arriverà a breve.

leonardo_da_vinci-fiumicino_airport_terminal_t3.jpg

Foto SpecExpert

  • shares
  • Mail