007 arriva in Messico per il Día de los Muertos


Il nuovo 007 "Spectre", di cui alcune sequenze sono state girate a Roma, è arrivato in Messico. Proprio l'inizio del film, come rivela questo video dal set, è ambientato a Città del Messico durante il colorato Giorno dei Morti, la particolare festa dei defunti della cultura messicana che più che a un corteo funebre assomiglia a un coloratissimo carnevale.

Una festa che dal 2003 è entrata a far parte del Patrimonio Culturale dell'Umanità, come una delle più importanti manifestazioni culturali del Messico e del mondo, soprattutto in quanto espressione di continuità culturale con le antiche popolazioni del continente americano. Una celebrazione dei morti e degli antenati, con la funzione sociale di ricordare la posizione del singolo all'interno del gruppo e all'affermazione dell'identità culturale (continua).

Sam Mendes, regista del 24esimo James Bond che vede ancora Daniel Craig protagonista (finito sotto i ferri per colpa del film), spiega che ha voluto "iniziare da qui per catapultare direttamente il pubblico in un ambiente visivamente ricco e inebriante. In un giorno in cui ovunque si vedono colori vita e dettagli".

Per girare queste scene la produzione ha costruito carri allegorici, modellini, ha cucito centinaia di costumi lavorando per mesi con i messicani che hanno portato nel film la loro cultura e tradizioni. Sono state utilizzate circa 1.500 comparse tutte truccate e vestite diversamente. Un lavoro enorme, ma a cui i messicani hanno partecipato con piacere, emozionati per il fatto che il nuovo Bond prendesse vita proprio dal loro Paese. "Spectre" sarà al cinema dal 5 novembre.
dia de los muertos
Foto Dennis.

  • shares
  • Mail