Cosa vedere a Lipsia, la chiesa di San Nicola


Il più celebre ritratto di Johann Sebastian Bach è tornato a casa. Il dipinto si trova ora a Lipsia dove è stato realizzato e dove il grande compositore classico visse gran parte della sua vita. Il ritratto è stato donato dalla famiglia Scheide che ne era proprietaria.

Lipsia ha appena festeggiato i suoi mille anni di storia, ripresentandosi a nuovo dopo le devastazioni della seconda guerra mondiale, e il conformismo dell'epoca sovietica, con l'obiettivo di tornare ad essere una delle capitale della Musica in Europa. E non è un caso che sia stata definita dal New York Times la “nuova Berlino”, una città giovane, creativa e dinamica che lascerà tutti di stucco con i suoi locali di tendenza, le gallerie d'arte e gli spazi di tendenza.

Realizzato da Elias Haussmann nel 1748, due anni prima della morte di Bach, il quadro si trova nella chiesa di San Nicola, dove il genio tedesco ha composto alcune delle sue più grandi opere. La tela apparteneva a un ebreo tedesco fuggito in Inghilterra che l'aveva affidata ai Gardiner per preservarla dai raid della Luftwaffe. Oggi il ritratto di Bach è tornato a Lipsia proprio insieme a Gardiner.

La Chiesa di San Nicola, protettore dei commercianti, risale al XII secolo, ed è stata costruita nel centro cittadino, dove si incontravano le medievali via Regia, il percorso che da Santiago de Compostela arrivava a Mosca, e la via Imperii, che da Roma arrivava a Stettino sul mar Baltico. Originariamente costruita con un mix di elementi romanici e gotici, nel XVIII secolo internamente fu ricostruita secondo i temi neo classicisti.

Cosa vedere a Lipsia, la chiesa di San Nicola

Foto Geisler Martin.

  • shares
  • Mail