Cosa vedere a Mosca

Storia, architettura, cultura, Mosca è una meta turistica imperdibile

Capitale della Russia, Mosca è una grande città - quasi 12 milioni di abitanti - ricca di storia e cultura. Fondata nell'anno 1147 da Jurij Dolgorukij. Il suo perimetro si estese nel 1960 fino a includere i paesi limitrofi di Babuškin, Kuncevo, Ljublino, Perovo, Tušino e (nel 1986) di Solncevo.

La città di Mosca ha un clima continentale freddo, caratterizzato da inverni molto rigidi e lunghi ed estati brevi anche se talvolta molto calde. Mosca è nota infatti per essere una delle metropoli più fredde del mondo ed è spesso associata alla neve, ma le estati possono anche essere calde e ogni tanto afose.

Mosca: Documenti di viaggio


Per visitare Mosca e la Russia è necessario avere con sè un un passaporto valido e un visto d’ingresso, da richiedere con largo anticipo. Una volta entrati in Russia, poi,  si deve compilare la Carta di Immigrazione. Il Visto può essere di vari tipi, ma non garantisce l’ingresso in Russia, poichè l´Autorità di Frontiera, per ragioni di sicurezza, lo può sempre respingere:  c'è il Visto Turistico, che  ha validità massima di 30 giorni;  il Visto per Affari, per soggiorni superiori ai 30 giorni o per ingressi multipli in Russia, non solo a scopo lavorativo, ma anche a scopo turistico; il Visto di Studio, che ha durata  variabile e necessita dell’iscrizione in una scuola o università russa. Ci sono inoltre il Visto di Transito e il Visto Diplomatico o di Servizio. Il visto di transito può essere utile per i viaggiatori che entrano nel territorio russo ma sono diretti in Cina o Asia Centrale. Il visto diplomatico ha un ristretto ambito di applicazione.
Alle frontiere in Russia, o sull’aereo prima dell’atterraggio, si riceve la Carta d’Immigrazione, nella quale inserire i dati del  Visto, l’invito, il passaporto, le date del soggiorno, il motivo del viaggio e la firma.

Mosca: Cosa vedere


Cosa vedere a Mosca
Cosa vedere a Mosca

Piazza Rossa


La piazza più grande della città, lunga 700 metri, larga 130. Su di essa si affacciano tutti i principali monumenti della città, come le mura del Cremlino, il Museo di Lenin, i magazzini statali GUM e la Cattedrale di San Basilio.  Il nome deriva infatti dall'aggettivo russo krasnaja, femminile di  krasnyj, "bello", che significa sia "rossa" sia, in passato, "bella".

Cattedrale di San Basilio


La chiesa più coloratae più fotografata al mondo. Presenta ben 9 cappelle differenti, che rendono l’interno una specie di stretto labirinto, con splendide sale decorate e preziose icone. L’esterno si presenta con quattro torri sovrastate da grandi cupole, un padiglione centrale ed altre quattro cupole minori, tutte dai differenti colori che rendono l’insieme un caleidoscopio unico al mondo.

Cremlino


La parte più antica della città, il Cremlino è una cittadella fortificata che nasce nei primi anni Mille per diventare residenza dei principi di Mosca. Gli interni comprendono una serie di meraviglie architettoniche senza eguali, come la Cattedrale dell'Arcangelo, la Cattedrale dell'Annunciazione, la torre Kutafya.

Metropolitana


E'una delle infrastrutture più antiche al mondo. Ancora oggi è il mezzo più utilizzato, ma molte stazioni rappresentano dei veri e propri gioielli dell'architettura. Immancabili nel vostro itinerario sono le stazioni  Komsomolskaya, dedicata agli eroi del passato, Belorusskaya, con eleganti mosaici e Barrikadnaya rivestita in marmo bianco e rosso.

Centro espositivo di tutte le Russie


Situato a Nord di Mosca, ma facilmente raggiungibile in metropolitana, il Centro espositivo di tutte le Russie si trova all'interno di un vasto parco ed è costituito da eleganti padiglioni di differenti stili architettonici e monumentali fontane.

Cattedrale di Cristo Salvatore


Questa immensa e nuovissima cattedrale domina il lungofiume della Moscova ed offre una bella vista sul Cremlino. Edificata nel 1839, venne completamente distrutta da Stalin per far posto ad un gigantesco palazzo che, in realtà, non venne mai costruito.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail