Trans Europ Express, la storia dei treni che attraversavano l'Europa

Caratterizzati dal loro colore rosso e dorato, questi treni sono stati attivi fino alla fine degli anni Settanta

Sono stati l'emblema del viaggio e i padroni assoluti della rete ferroviaria: i TEE, Trans Europ Express, linea di treni rapidi e di lusso che nel Dopoguerra hanno fatto viaggiare milioni di persone in giro per l'Europa.

La costruzione dei Trans Europ Express inizia intorno agli anni Cinquanta, con la realizzazione di carrozze unificate europee; nello stesso periodo nacquero i primi esperimenti coordinati tra le diverse linee ferroviarie nazionali, che culminarono nella costruzione dei treni TEE.
Sotto questa sigla venivano raggruppate diverse linee ferroviarie: le Ferrovie Federali Svizzere (SBB CFF FFS);   le Ferrovie del Lussemburgo (CFL); la Ferrovia Federale Tedesca (DB);  le Ferrovie dello Stato Italiane (FS);  le Ferrovie Olandesi (NS);  le Ferrovie Belghe (SNCB) e le Ferrovie Francesi (SNCF). Successivamente entrarono a far parte della TEE anche le Ferrovie Spagnole (RENFE).

Attivi  dall'estate del 1957, la linea TEE era dotata di treni con a diesel,  moderni e confortevoli, di sola prima classe, che permettevano ai passeggeri di viaggiare in maniera più rapida e più comoda. Composta da circa 70 treni, di colore rosso e dorato, ognuno con una propria tratta, i TEE italiani erano: il Ligure, tra Milano e Marsiglia via Ventimiglia (7.15 ore al posto delle 12 dei servizi precedenti), il Mediolanum, tra Milano e Monaco, via Brennero (7 ore invece di 11), il Lemano tra Milano e Ginevra via Sempione (4.10 ore invece di 6.20), e il Moncenisio, tra Milano e Lione via Frejus (5.50 ore invece di 10). C'era poi il Vesuvio, che collegava il nord Italia con il Sud, nella tratta Milano Napoli e negli anni Sessanta arrivò anche il Gottardo Milano-Zurigo e il Cisalpino Milano-Parigi via Sempione.

Trans_Europ_Express_a_Cantù-Cermenate

 

La velocità e i nuovi servizi portarono i treni TEE a un rapido successo, dovuto anche alla mancanza di infrastrutture alternative adegute, come l'autostrada. Tuttavia, con il passare degli anni, i TEE andarono via via scomparendo, a partire dal 1974, quando sempre più servizi TEE vennero sostituiti da convogli che davano lo stesso servizio ma offrivano anche la seconda classe. In Italia i treni TEE interni vennero chiamati Treni Bandiera. Si effettuavano con carrozze Gran Comfort costruite appositamente.

Credits |Wikipedia

  • shares
  • Mail