Cosa vedere ad Istanbul, la Chiesa di San Salvatore in Chora

La Chiesa di San Salvatore in Chora, uno scrigno d'arte bizantina ad Istanbul.

Sarò sincera; nel programma dei miei tre giorni ad Istanbul, la Chiesa di San Salvatore in Chora è entrata per caso, o meglio, grazie alla preparazione di una mia amica, e alla testardaggine di mio marito, che pretendeva la sua ricompensa per avermi accompagnato, in silenzio, nella mia mezza giornata di shopping al Gran Baazar. Sono stata fortunata.

Fortunata perché si è trattata di una bellissima scoperta, quella di una chiesa, oggi un museo, nascosta tra le case e i palazzi di un quartiere popolare addossato alle mura dell'antica Bisanzio. Anche solo arrivare fino alla chiesa è stata un specie di avventura, visto che siamo arrivati via mare con il traghetto e dopo una salita niente male, lungo le stradine che costeggiano le mura teodosiane.

Esternamente non ho potuto vedere molto, visto che la chiesa era in fase di restauro, ma internamente siamo rimasti a bocca aperta, osservando tutta una serie di mosaici bizantini, tanti, molti di più che nella più celebre Santa Sofia, tutte che rappresentano diverse scene della vita del Cristo.

La chiesa non è grande, ma siamo rimasti dentro almeno un'ora, osservando i bellissimi mosaici, cercando di "rubare" le spiegazioni che le guide fornivano ai "grupponi" di viaggiatori in visita alla chiesa. Di particolare valore storico anche la presenza di alcuni affreschi: una vera rarità ad Istanbul.

E tutto intorno alla chiesa un quartiere popolare, che in qualche modo sembra beneficiare del flusso di turisti alla ricerca della chiesa, visto che qua e là sembrano stiano spuntando locali turistici, dove riposarsi un po', magari sorseggiando il te nero di Istanbul, o più' probabilmente, il più' dolce te alla mela. Da vedere assolutamente, ad Istanbul.

chiesa di chora ad istanbul
Foto debora@travelblog.

  • shares
  • Mail