Santa Maria Novella a Firenze: la storia

Santa Maria Novella a Firenze, la chiesa che Michelangelo chiamava "la mia sposa".

La Basilica di Santa Maria Novella a Firenze, la cui facciata posteriore si trova proprio di fronte all'omonima stazione ferroviaria, è la prima grande basilica a Firenze, ed è il principale chiesa domenicana della città, giunti qui dalla vicina Bologna.

La chiesa si chiama Novella perché fu costruita dove si trovava l'oratorio di Santa Maria delle Vigne, risalente al IX secolo, assegnato proprio ai Domenicani nel 1221, che decisero di sostituire con una nuova chiesa e un chiostro adiacente.

La chiesa, il chiostro adiacente, e il capitolare contengono un vero e proprio "negozio" di tesori d'arte e monumenti funerari, sicuramente una delle principali attrazioni di Firenze.

Particolarmente famosi sono gli affreschi di maestri del gotico e del primo rinascimento, finanziati grazie alla generosità delle più importanti famiglie fiorentine, che così si assicuravano le cappelle funerarie su un terreno consacrato.

All'interno la chiesa si suddivide in tre navate, dove la centrale è lunga 100 metri, mentre le due laterali sono abbellite da vetrate colorate. Particolarmente importante la vetrata che da sulla facciata, che rappresenta l'Incoronazione di Maria, risalente al 14 ° secolo.

La costruzione della Basilica fu terminata nel 1420, e la sua importanza per la storia dell'arte risiede anche nel passaggio degli stili, visto che in Santa Maria Novella si ritrovano sia elementi del gotico, del rinascimento, come testimonia la Santissima Trinità, situata quasi a metà strada nella navata sinistra, un pionieristico lavoro rinascimentale di Masaccio.

Dal novembre 2012 è stato istituito un percorso di visita unitario del complesso monumentale di Santa Maria Novella, che consente di visitare, con un unico biglietto, della visita alla Basilica e ai Chiostri.

Il complesso è visitabile tutti i giorni fino alle 17: d'estate dalle 9 del mattino, d'inverno dalle 13, mentre la domenica l'ingresso è consentito nel pomeriggio, dopo le funzioni mattutine. L'intero costa 5 euro.

Molto apprezzati dai visitatori i marmi policromi, le vetrate, i chiostri e il refettorio, mentre è molto criticata la scelta di far pagare il biglietto d'ingresso ad un luogo di culto.

Santa Maria Novella a Firenze

Foto JoJan.

  • shares
  • Mail