Il villaggio di Babbo Natale a Rovaniemi

Che ne dite se in vista del Natale 2014 facciamo un salto in Finlandia? Esatto, proprio lì: ecco il villaggio di Babbo Natale a Rovaniemi.

Se andate in Finlandia non potete non fare un salto al villaggio di Babbo Natale a Rovaniemi. E' un must: il Santa Claus Village viene considerato da tutti come la residenza ufficiale di Babbo Natale, tanto che è a questo parco tematico che vengono indirizzate la maggior parte delle letterine di Natale dei bambini. Ma andiamo con ordine: prima vediamo dove si trova e cosa c'è da vedere di bello a Rovaniemi e poi andiamo a parlare del villaggio di Babbo Natale. Rovaniemi o Roavenjarga in lingua sami è il capoluogo della Lapponia, la provincia più settentrionale della Finlandia: qui la temperatura media annuale è di 0,2 °C, con minimi massimi registrati di - 45,3 °C e massime registrate di + 30,6 °C.

Rovaniemi, il villaggio di Babbo Natale


Santa Claus Village

Santa Claus Village a Rovaniemi


Rovaniemi

si trova a soli dieci chilometri a sud del Circolo Polare Artico, alla confluenza del fiume Kemijoki e dell'affluente Ounasjoki. Per quanto riguarda l'origine del nome ci sono un paio di teorie: roavve in sami significa collina boscosa, mentre in finnico rova vuol dire roccia. Sin dal XIX secolo Rovaniemi divenne il centro economico principale della Lapponia. Durante la Seconda Guerra Mondiale la maggior parte degli edifici venne distrutta dai tedeschi ed ecco che così nel 1946 cominciò la ricostruzione di Rovaniemi. L'architetto finlandese Alvar Aalto contribuì a progettare molti edifici, fra cui anche il Centro Amministrativo e Culturale comprensivo di teatro, biblioteca e municipio.

C'è da dire che il turismo la fa da padrone a Rovaniemi, complice sia la natura che la circonda che le infrastrutture: in città trovate tantissimi hotel. Da visitare a Rovaniemi assolutamente il ponte Jätkänkynttilä con la sua fiamma eterna sul fiume Kemijoki, gli edifici di Alvar Aalto di cui abbiamo parlato prima e anche l'Arktikum, il Museo dell'Artico. E pensate che cui ci trovate anche il McDonald's più settentrionale di tutti.

Ma la vera attrazione di Rovaniemi è il villaggio di Babbo Natale, noto anche con il nome di Santa Claus Village. Si tratta in realtà di un vero e proprio parco tematico, residenza ufficiale di Babbo Natale. Qui potrete incontrare Babbo Natale, visitare il suo studio e anche l'ufficio postale dove arrivano le lettere dei bambini da tutte le parti del mondo. Altro parco dei divertimenti è il Santa Park ovvero la caverna di Babbo Natale, con tanto di laboratorio degli elfi, l'ufficio postale e anche la mostra di sculture di ghiaccio.

Ma torniamo a parlare del Santa Claus Village: non solo viene unanimemente considerato come la residenza di Babbo Natale, qui su un punto del pavimento si trovano le coordinate esatte del circolo polare artico. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, Rovaniemi e la Lapponia furono le prime regioni a ottenere gli aiuti dell'UNRRA, l'organizzazione che c'era prima dell'UNICEF. La capanna del Circolo Polare Artico venne costruita nel 1950 in occasione della cerimonia di accoglienza a Eleanor Roosevelt, membro dell'UNRRA.

Il luogo venne scelto in base al fatto che venti anni prima il colonnello Willamo aveva fatto costruire un palo nella zona, in modo che i turisti avessero un punto di riferimento per scattare le foto. Ma tale palo venne distrutto con la guerra ed ecco che venne costruita la capanna, anche se non esattamente sul punto preciso, è 108 metri troppo a sud.

Visto che la visita della moglie del presidente avvenne quasi di sorpresa, l'architetto Ferdinand Salokangas dovette progettare la capanna in una sola notte, mentre per costruirla poterono impiegare solamente una settimana. I tronchi utilizzati per la capanna giunsero via fiume sull'Ounasjoki: nel momento in cui l'aereo di Eleanor Roosevelt atterrò, venne montata la porta della capanna. Da qui la capanna cominciò ad attirare sempre di più ospiti famosi e turisti. E da qui ingrandendo le infrastrutture sempre di più e aumentando i punti di interesse per i visitatori, ecco che nacque il villaggio di Babbo Natale di Rovaniemi.

Il racconto di chi al villaggio di Babbo Natale di Rovaniemi ci è stato

Beh, che ne dite di un racconto diretto da parte di chi a Rovaniemi e al villaggio di Babbo Natale ci è stato? Ringrazio Patrizia Chimera per aver voluto condividere questa esperienza, nata sotto una luce particolare: è il racconto infatti di un viaggio di nozze in moto effettuato grazie a Raid Inside.

Ecco cosa ci ha raccontato Patrizia: "Rovaniemi è una bella cittadina sul circolo polare artico, dove sorgono casa e ufficio postale di Babbo Natale. Noi ci siamo stati ad agosto, quindi non c'era ancora la neve che rende tutto più suggestivo, però c'erano le sculture di ghiaccio, le renne e anche Babbo Natale. Il Santa Claus Village presenta un ampio parcheggio sul quale si affaccia l'ufficio di Babbo Natale, dove gli elfi lavorano tutto l'anno con le letterine dei bambini. Si trovano souvenir di ogni genere e c'è anche la possibilità di farsi spedire direttamente da Rovaniemi una lettera scritta da Santa Claus in diverse lingue, personalizzandola con il nome del bambino a cui vogliamo inviarla: costa intorno agli 8 euro e si può fare anche online".

E ancora: "Oltre all'ufficio postale con elfi vestiti di tutto punto, c'è anche lo studio di Babbo Natale, dove su una lavagna si aggiornano i dati relativi al Natale... dietro una porticina c'è anche la stanza privata di Babbo Natale: non apritela, altrimenti gli elfi si arrabbiano.... scherzo, ma a volte da lì esce Santa Claus in persona per farsi un giretto (anche se credo che per un incontro privato ci sia da pagare). Dall'altra parte del parcheggio c'è un altro negozio di souvenir gigantesco, con decori per l'albero e idee regalo. Come vedete nelle foto, c'è anche la classica sagoma con donzella vestita secondo il costume tradizionale e renna dove farsi le foto per spedirle poi agli amici".

Patrizia termina così: "La città di per sé si fonda proprio su questo villaggio di Babbo Natale, che in inverno si colore del bianco della neve e del ghiaccio delle sculture che vengono create ogni anno, ho visto cose inimmaginabili fra cui anche un albergo e locali di ghiaccio, dove per entrare bisogna vestirsi di tutto punto perché le temperature sono glaciali per l'appunto. Per dormire a Rovaniemi suggeriscono gli chalet di montagna tipici, che si possono trovare nei villaggi: sono l'equivalente dei nostri campeggi, con possibilità di fare la sauna finlandese... e in alcuni chalet c'è anche la sauna personale. E se vi state chiedendo cosa si mangia qui, beh va alla grande il purè con salsa di mirtilli e lo stufato di renna".

  • shares
  • Mail