Gyermekvasút, la ferrovia dei bambini di Budapest

Gyermekvasút, la ferrovia dei bambini di Budapest

Lungo una bella e quieta zona della foresta ungherese, la linea ferroviaria di Gyermekvasút (mamma mia, quanto è difficile l'ungherse!) potrebbe sembrare l'ennesima linea ferroviaria pensata appositamente per le visite turistiche, se non fosse che per il fatto che tutto il personale, dal macchinista ai controllori, sono tassativamente minorenni.

Seguendo le orme della ex Jugoslavia e dell' ex URSS, l'Ungheria (anche lei ex comunista) concepì una ferrovia condotta da bambini nell'ormai lontano 1947. Il progetto era visto come un modo per formare i futuri lavoratori ferroviari, posizione all'epoca molto ambita. Tanto che si chiamava Ferrovia dei giovani pionieri.

Con la fine del comunismo, il progetto è stato ripensato in chiave turistica, tant'è che oggi la ferrovia si chiama Gyermekvasút, appunto "Ferrovia dei bambini". Oggi ai bambini sono affidati i compiti di capotreno, capostazione, addetti agli scambi e alla biglietteria.

11 chilometri di strade ferrate, con cinque stazioni e due fermate intermedie, in corrispondenza di punti di interesse, sia dal punto di vista naturalistico, che quello dello svago dei bambini.

Il viaggio del treno dei bambini dura 50 minuti e offre ai viaggiatori anche la vista panoramica della capitale ungherese (tutto quello che c'è da vedere a Budapest) e delle colline circostanti. Attualmente Gyermekvasút è ferrovia per bambini più lunga del mondo.

Gyermekvasút ferrovia dei bambini di budapest

Foto Wikimedia Commons.

  • shares
  • Mail