Viaggio in aereo: per l'uso di tablet e smartphone c'è l'ok dell'Easa

D'ora in poi si potrà restare connessi anche in volo.

Per chi non sa restare disconnesso neanche per un minuto arriva una buona notizia da parte dell'Easa, l'Agenzia europea per la sicurezza aerea (European Aviation Safety Agency): d'ora in poi si potranno tenere accesi e connessi tutti i dispositivi elettronici anche durante i voli in aereo. Addio dunque alla cara "modalità aereo".

È bene precisare, però, che l'Easa ha lasciato alle singole compagnie aeree la libertà di decidere se consentire o no l'uso di device elettronici sui propri velivoli a seconda che ritengano che ci siano o meno le condizioni di sicurezza per permettere di tenerli accesi e connessi. Per questo è probabile che vi chiedano ancora di tenerli spenti, per non parlare delle brochure, i video e gli audio che fanno leggere, vedere e ascoltare durante il decollo e che contengono ancora tutti l'indicazioni di spegnere tutti gli apparecchi elettronici. In questa fase di passaggio è bene stare a sentire che cosa dicono gli assistenti di volo o chiedere loro direttamente se l'uso dei dispositivi è permesso o no durante il viaggio.

In molti si chiederanno a che cosa ci si possa connettere mentre si è in volo, ebbene l'essa ha spiegato che l'abbattimento di questo divieto è "l'ultimo passo per consentire l'offerta di servizi wifi" sugli aerei. Dunque le compagnie aeree avranno la possibilità di offrire connessioni wifi ai passeggeri sui loro aerei.

Anche in aereo, dunque, come in treno, si potrà godere dell'uso dei propri smartphone, tablet, lettori mp3, lettori di e-book, per far passare più velocemente il tempo e questo, soprattutto durante i viaggi molto lunghi, può essere una vera e propria mano santa.

Consentito uso di dispositivi elettronici in volo aereo

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail