Il Trapizzino del Testaccio e di Ponte Milvio a Roma

A Roma tutti pazzi per il Trapizzino del testaccio e di Ponte Milvio.

Intervista all'inventore del Trapizzino.

Roma papalina, Roma sonnacchiosa, Roma machitelofafa, Roma ma lassa perde, a Roma non succede mai niente, e invece questa volta, a Roma qualcuno ha fatto muovere il cervello, e si è inventato qualcosa di nuovo. Addirittura qualcosa di nuovo da mangiare; che piace. Il Trapezzino!

Era il 2008 quando Stefano Callegari ha inventato il trapizzino, e lo preparava allo 00100, una (a quel punto ex) pizzeria al taglio del Testaccio.

Il nome è un gioco di parole, che combina tramezzino e pizza. Un calzone? Un panzerotto? No, perché il pane per un trapizzino è cotto separatamente, e poi farcito con un ripieno da ordinare a piacere.

Un'innovazione che è piaciuta, un successo immediato, per un take-a-way (domani uno street food?) che unisce sapore a velocità e prezzi contenuti.

Il triangolino dei desideri è si nuovo, ma non dimentica la tradizione culinaria romana, visto che per il ripieno possiamo anche richiedere la coratella e carciofi, una parmigiana di melanzane, lingua in salsa verde, vignarola di fave, seppie con i piselli, e tutto quello che riesce ad infilarci l’estro audace e saporito di Stefano.

Dallo scorso dicembre il Trapizzino ha anche il suo locale, Il Trapizzino, al piazzale di Ponte Milvio a nord di Roma (anche il locale del Testaccio ora si chiama così). Tradizione romana, ma non solo, visto che nel Trapizzino ci possiamo infilare la burrata con acciughe, o uno stufato piccante di tradizione eritrea. Da provare, in via Giovanni Branca 88 al Testaccio, e a Piazzale di Ponte Milvio.

Abbiamo scelto di venire in questo localetto , grazie alla guida del gambero rosso street food ! Ho assaggiato due trapizzini uno alla trippa e l'altro al pollo alla cacciatora ! Ragazzi sono una favola , ne avrei mangiati a migliaia , leggerezza e qualità allo stesso tempo ! Vi obbligo ad andarci ! Ottimo ottimo ottimo. DbSimone.

Trapizzino a Ponte Milvio

Foto di fabiogRom

  • shares
  • Mail