Lo spettacolo della caverna della Canne da Flauto a Guilin

La Caverna delle Canne da Flauto, riscoperta nel 1940, oggi un'importante attrazione turistica.

Le bellezze naturali di Guilin nel sud della Cina.

Ci sono prove, graffiti, che dimostrano come la Caverna fosse già frequentata 1.200 anni fa, quando probabilmente era considerata un luogo sacro. Rimasta sconosciuta per secoli, è stata riscoperta solo nel 1940, e da allora la sua popolarità è andata sempre più aumentando, tanto che oggi è diventata una popolare attrazione turistica. Una meravigliosa caverna multi-colore.

La Caverna prende il nome dalle abbondanti quantità di canne che crescono al suo ingresso, canne che erano raccolte per costruire piccoli flauti; ma non è per quest'attività che la caverna è stata riscoperta. Tutta colpa della guerra, o meglio dell'invasione giapponese della Cina negli anni '30, che portò da queste parti un gruppo di cinesi, in cerca di un rifugio dove scampare ai rastrellamenti egli occupanti.

L'interno della grotta è un vero e proprio uno spettacolo per la presenza di bellissime formazioni geologiche. Creata da millenni di erosione dell'acqua sul tenero calcare, la grotta presenta stalattiti, stalagmiti e colonne di pietra che sembrano innalzarsi dal pavimento fino al soffitto. Le pareti sono "adornate" da increspatura, anche queste frutto dei secoli di erosione, che si insinuano profondamente nella roccia.

Oggi la Caverna è sapientemente illuminata da tante luci multicolori, nascoste tra le fessure e le crepe di questo grande spazio sotterraneo. L'effetto è quasi surreale, con le luci che trasformano lo spazio, altrimenti buio, in uno strano mix di colori al neon e possenti e grezzi massi calcarei.

La caverna si trova a pochi chilometri dalla città di Guilin, una delle città più pittoresche del sud della Cina, che propri per lo scenario naturale che la circonda, è una delle mete turistiche più rinomate del paese.

reeed flute cave in Cina

Foto Wikimedia Commons.

  • shares
  • Mail