Foggia torna a volare con la BlueWings Air

Dopo tre anni di letargo torna operativo l'aeroporto Gino Lisa di Foggia.

La notizia. A quasi tre anni di distanza dall'ultimo volo operato dalla Darwin Airline (che ricordo ora è Etihad Regional), quest'anno si tornerà a volare sull'aeroporto Gino Lisa di Foggia.

Si volerà con Blue Wings Air con destinazione Milano Malpensa e Torino. Si volerà con dei Fokker da 50 posti per Milano a partire dal 27 ottobre, il lunedì e il venerdì, con partenza da Foggia alle 7 e da Milano alle 18, e si volerà per Torino a partire dal 6 dicembre di sabato con partenza da Foggia alle 8 e da Torino alle 11.

Una notizia che dovrebbe far piacere a chi abita a Foggia e dintorni, che così torneranno ad essere collegati al sistema nazionale aeroportuale. Ma anche guardando il video della presentazione dei nuovi voli, la notizia è vissuta con una buona dose di scetticismo. E in effetti i motivi ci sono.

L'operatore Blue Wings Air; chi è? Si sa che è un tour operator, e non una compagnia aerea, tant'è che i voli saranno operati dalla Air Vallée, che a dispetto del nome, fa base a Rimini. Si sa che ha sede a Londra, ma che i capitali sono italiani. Nient'altro.

Si tratta di voli charter, e non di voli di linea. Quindi, nonostante i voli siano stati presentati con tanto di periodicità e orari di partenza e di arrivo, non si tratta di voli soggetti alle stesse regole cui sono sottoposti i voli di linea; il pericolo è quello della cancellazione senza preavviso.

Certo, alla presentazione c'erano anche il Sindaco di Foggia e il Governatore della Puglia Vendola, il che dovrebbe fornire una qualche garanzia agli operatori economici e ai residenti foggiani, ma anche in questo caso c'è un ma. Per questa operazione non è previsto alcun finanziamento pubblico.

Bene, si potrebbe pensare. Sicuramente per le casse delle amministrazioni locali, ma questo significa che i prezzi saranno più alti di quanto sperato; si dovrebbe trattare di 150 euro tutto compreso. Forse un po' troppo alto per garantire la sostenibilità dell'operazione.

E nella presentazione non si è ancora parlato dell'allungamento della pista, fino ai quei 2 chilometri, per molti unica garanzia di sviluppo futuro per l'aeroporto foggiano. Forse è proprio per questo, che quelli della Ryanair neppure sanno che al Gargano c'è un aeroporto.

Gargano dal Satellite

Foto Wikimedia Commons.

  • shares
  • Mail