I Papaveri della Torre di Londra per ricordare la Grande Guerra

Continuano le celebrazioni dei 100 anni della Grande Guerra.

Non si tratta di un fotomontaggio, ma di un'istallazione artistica reale, realizzata da Paul Cummins, dal titolo "Blood Swept Lands and Seas of Red", che tradurrei con "Il sangue inondò di rosso le terre e i mari". Per chi se lo fosse perso, in tutta Europa si stanno susseguendo commemorazioni dei 100 anni dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale.

888.246 papaveri di ceramica che riempiono il fossato della Torre di Londra, fino ad arrivare sulle mura; uno per ognuno dei soldati alleati morto durante il conflitto. Da oggi ognuno di questi papaveri di ceramica è in vendita a 25 sterline, 450.000 sono già stati venduti su prenotazione.

L'installazione verrà quindi smantellata, ma non è un buon motivo per non visitare The Tower of London, lo storico castello dei regnanti, che si trova sulla riva settentrionale del Tamigi, in quello che ormai è il centro di Londra, ma che al tempo della sua fondazione, nel 1078, si trovava all’esterno della città.

Oggi la Torre di Londra ha perso il suo valore militare, ed è diventata una delle principali attrazioni turistiche di Londra, sia per il suo valore intrinseco, storico e culturale, tant’è che è entrata nel patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, sia perché qui sono custoditi i gioielli della Corona. Insomma, da vedere quando siamo a Londra.

at Tower of London on September 10, 2014 in London, England.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail