Autumn in New York: dalle sfilate della Fashion Week alle bellezze intramontabili della Grande Mela

Parte un nuovo speciale tematico su Traveblog: il nostro viaggio attraverso Manhattan, Harlem, Bronx, Queens e Brooklyn

New York è una città che ti entra nel cuore e lì ci resta per sempre: ha un fascino innato, immensa, frenetica, e anche un po' sognatrice.

In occasione della Fashion Week che si terrà nella Grande Mela fino a giovedì 11 settembre, noi di Travelblog, come sempre insieme agli altri blog di area Lifestyle Artsblog e Booksblog, vi proponiamo un viaggio attraverso i suoi quartieri, alla scoperta di piccole e grandi bellezze, già conosciute o da riscoprire.

Partiamo da Manhattan, l'isola larga 3–4 km, fra il fiume Hudson e l'East River, e lunga circa 20 km, tra la Baia e l'Harlem River, che conta più di un milione e mezzo di abitanti. Fu l'esploratore Giovanni da Verrazzano a scoprirla nel 1524, e nel 1624 l'olandese Peter Minuit, direttore generale della zona chiamata Nuovi Paesi Bassi (un territorio sulla costa orientale del Nord America), la acquistò. Lì fu costruita la capitale dei Nuovi Paesi Bassi ovvero Nieuw Amsterdam, il villaggio che diventerà la città di New York.

Harlem invece è la parte di Manhattan racchiusa tra la 155th Street a nord e il fiume Harlem ad est. Storicamente è il centro culturale e commerciale degli afroamericani. Ad ovest di Harlem invece, alla stessa altezza, c'è Spanish Harlem, abitato da una minoranza di popolazione di lingua spagnola.

Salendo ancora più su c'è il Bronx, che ha una popolazione di quasi un milione e mezzo di abitanti: si trova all'estremità nord di New York City. Il Bronx porta purtroppo con sè una ingiustificata e bruttissima fama come quartiere pericoloso, ma in realtà le cose oggi sono molto diverse rispetto al passato. In questo quartiere sorgono il Bronx Zoo, l'università di Fordham e lo Yankee Stadium.

Il Queens si estende invece a est di Manhattan: da non perdere un giro sulla la linea 7 della metropolitana, che corre sopraelevata rispetto al livello della strada e permette un'immersione in diverse culture, da quella indiana alla messicana, dalla cinese all'irlandese (un consiglio, scendete in un punto e fate tutto il tragitto 'multietnico' a piedi).

Infine vi parleremo di Brooklyn, nuovo centro culturale artistico nonchè quartiere più popoloso di tutti con i suoi 2 milioni e mezzo di abitanti. Brooklyn è collegato con Manhattan dall'omonimo ponte, da quello di Williamsburg e da quello di Manhattan. Invece il ponte di Verrazzano, su cui parte la famosa Maratona di New York, unisce il quartiere a Staten Island.

US-POLITICS-OBAMA

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail