Il Ponte di Brooklyn: storia, origini e cosa vedere

Torniamo ancora una volta a New York, oggi andiamo a parlare del Ponte di Brooklyn: vediamo storia, origini e cosa vedere.

Di sicuro se si va a visitare New York, un salto sul Ponte di Brooklyn bisogna per forza farlo... e bisogna anche fotografarlo da tutti i lati, senza dimenticare lo skyline e qualche scatto dalla sua sommità. E' uno dei luoghi più iconici della città, praticamente tutti lo conoscono, ne hanno sentito parlare e lo abbiamo visto almeno una volta nella vita, in questo o quel film o telefilm. Ecco perché allora oggi andiamo a vedere qualcosina di più sulla storia e sulle origini del Ponte di Brooklyn e andiamo anche a conoscere qualche curiosità e particolarità.

Qualche curiosità sul Ponte di Brooklyn a New York


Ponte di Brooklyn

Foto del Ponte di Brooklyn


Il Ponte di Brooklyn o Brokklyn Bridge si trova a New York

e collega l'isola di Manhattan con il quartiere di Brooklyn. Venne terminato nel 1883 dopo 13 anni di lavori, su progetto di John Augustus Roebling: è stato il primo ponte in acciaio ad essere mai stato costruito. Come potete vedere nelle foto, attraversa il fiume East River. Pensate che durante la sua costruzione morirono 27 operai, molti di embolia gassosa dopo le immersioni e anche lo stesso Roebling perse la vita durante un incidente che coinvolse l'attracco di un traghetto, salvo poi essere rimpiazzato dal figlio Washington, anche lui ferito e paralizzato per un'embolia gassosa. Dopo tutte queste vicissitudini abbastanza tragiche, il Ponte di Brooklyn venne finalmente inaugurato il 24 maggio 1883.

Come potete vedere dalle foto, il Ponte di Brooklyn è formato da quattro cavi di acciaio fissati su piastre poste all'interno di cupole di granito alte tre metri e situate alle estremità del ponte. I cavi sono formati da filo d'acciaio galvanizzato con zinco, indispensabile per far sì che resista al vento e alla pioggia. I punti di ancoraggio dei cavi sono rappresentati da due piloni siti a 300 metri circa dalle calotte, i quali poggiano su dei cassoni grandi come quattro campi da tennis. Se siete invece interessati alla base del ponte, è formata da travi di acciaio, ciascuna da quattro tonnellate e mantenute ferme da tiranti verticali fissati tramite tiranti diagonali.

Il Ponte di Brooklyn è dotato di diverse corsie per il traffico a motore, in ambo le direzioni, mentre una passerella posta al di sopra delle corsie per le automobili e accessibili a est della City Hall nel Park Row/Centre Street permette di attraversare il ponte a piedi in sicurezza. Da qui sopra potete ammirare una veduta spettacolare di Manhattan e del suo skyline: da sottolineare la vista di south Street Seaport, della Upper Bay e della Statua della Libertà. Sono poi stati realizzati alcuni punti di osservazione al di sotto dei piloni di sostegno in pietra. Attualmente il Ponte di Brooklyn vanta ben tre primati: è il più antico ponte sull'East River a New York; è stato il primo ponte sospeso in acciaio mai realizzato prima al mondo; quando venne inaugurato era il ponte più lungo sulla faccia della Terra.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail