Fuori Mantova: una gita a San Benedetto Po

Se siete a Mantova per il Festivaletteratura, programmate una gita in uno dei borghi più belli d'Italia

San Benedetto Po, un comune in provincia di Mantova con poco più di 7mila abitanti, è stato insignito nel 2009 del riconoscimento "Borghi più belli d'Italia": è un importante centro turistico, noto per il complesso monastico di San Benedetto in Polirone, per la Basilica di San Benedetto, per il Museo Civico Polironiano che custodisce raccolte etnografiche, e per le sue proposte enogastronomiche.

La storia del paese fu come immaginabile legata alla nascita, vita, sviluppo e soppressione dell'abbazia, uno dei siti cluniacensi più importanti in Europa: fu fondata nel 1007 dal conte Tedaldo di Canossa, nonno della celebre contessa Matilde, sull'isola che si trovava tra il Po e il fiume Lirone. Il monastero ebbe un ruolo fondamentale nella storia del monachesimo ma nel 1797 fu chiuso da Napoleone Bonaparte.

Al suo interno sono presenti tre chiostri: quello dei Secolari, quello di San Simeone e quello di San Benedetto. Quest'ultimo è il chiostro più grande. E' visitabile anche il Refettorio, dove i monaci consumavano i loro pasti, costruito nel 1478. Vi lavorarono Girolamo Bonsignori, che dipinse l'Ultima Cena su una tela incastrata sul muro, e Antonio Allegri detto il Correggio, che realizzò alcuni affreschi tra il 1513 e il 1514.

Al di sotto del Refettorio ci sono le Cantine cinquecentesche e nel percorso di visita è incluso anche il Museo Civico Polironiano di San Benedetto Po, uno dei maggiori musei etnografici d'Italia, che contiene oltre 13mila oggetti della cultura popolare padana.

La Chiesa Abbaziale, altra tappa fissa durante ogni visita, è stata invece riedificata tra il 1540 e il 1545 da Giulio Romano, che non demolì le vecchie strutture romaniche e gotiche e preferì trovare soluzioni originali per far convivere diversi stili architettonici. Nella zona tra il transetto e la sagrestia si trova la tomba di Matilde di Canossa (ma il corpo della contessa è rimasto lì solo fino al 1633, quando venne trasferito nella Basilica di San Pietro a Roma).

Biglietti e orari

La vendita dei biglietti per l'abbazia viene effettuata presso lo IAT in Piazza Matilde di Canossa 7 a San Benedetto Po (tel. 0376 623036 - iat@oltrepomantovano.eu). L'ultimo ingresso è un'ora prima della chiusura della biglietteria, che è aperta fino al 31 ottobre (orario estivo) da martedì a venerdì dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00, sabato e domenica dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00. Il lunedì è aperta su richiesta.

Dal 1 novembre al 28 febbraio sarà invece in vigore l'orario invernale: lunedì aperta su richiesta, dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 17.30.

Il biglietto intero costa 5€, 4€ ridotto (gruppi almeno 12 persone, under 18, over 65, scolaresche, studenti universitari, soci TCI, soci Coop Consumatori Nordest, soci i Viaggi della Mongolfiera, possessori Carta Musei del sistema dei Musei Mantovani, soci ICOM). I residenti pagano 2€ mentre con 6€ si possono avere percorsi didattici con operatore e laboratorio creativo (solo su prenotazione). Ingresso gratuito per i bambini di età inferiore ai 6 anni, disabili e accompagnatori.

L'ingresso nella basilica invece costa 2€ (tariffa unica).

AbbaziaDelPolirone_SanBenedettoPo

Foto | Wikipedia Zavijavah

  • shares
  • Mail