Argentario: bellezza e controsensi

L'Argentario è una perla delle nostre coste italiane. Ma ci sono delle incomprensibili scelte nella gestione del turismo, a cominciare dalla viabilità.

Fa rabbia. Perché come troppo spesso succede in Italia, ci sono dei grotteschi paradossi nell'amministrazione del nostro patrimonio storico e naturale (per lasciar perdere quello artistico). Prendiamo l'Argentario, che ormai frequento spesso.

portoercole

La sua bellezza è fuori discussione. Le sue coste, le sue spiagge, la sua natura, i suoi forti. Ne abbiamo già parlato. Meraviglioso.

Siamo pronti anche a pagare il prezzo di restare un po' "sconnessi dal mondo", dato che la copertura delle telecomunicazioni è così scarna.

Ora però mi chiedo e vi chiedo. Se appunto qui si parla tanto di ecologia, se da sempre si fa ostruzione per il famoso completamente dell'autostrada sull'Aurelia, mi spiegate perché poi l'unico mezzo per potersi muovere resta la macchina?

E' incredibile. Già dai treni si capisce come Orbetello sia mal servito. Se ne perdi uno rischi di dover aspettare ore prima di trovare una seconda combinazione.

IMG_1948

Per non parlare della stazione. Sorta di saloon fantasma senza servizio informazioni (che hanno pensato bene di piazzare lontano da dove uno arriva col treno). Immaginate cosa succede ai turisti stranieri quando devono poi muoversi per raggiungere le varie località sulla costa.

orbetellostazione

Quelli del bar della stazione hanno più volte chiesto alla Proloco un aiuto per aprire un ufficio, dato che alla fine, tutti vanno a chiedere a loro, cortesissimi, ed unici sempre presenti.

orbetellobarstazione

Se invece cercate all'interno della stazione, scoprirete che la biglietteria sotto vetro, è aperta (anche di sabato d'agosto!!) solo al mattino. Poi arrivederci. E se le macchinette non danno resto, cavoli vostri. Meglio il bancomat. Biglietto per biglietto.

orbetelloufficiostazione

Ovviamente poi (perché? perché?) non c'è un servizio taxi. A meno che non si chiamino quelli di Grosseto o gli ncc privati della zona. E nemmeno esistono alternative tipo noleggio auto o motorini. Nulla. Anzi sì. Ci sono i bus. Ah, il servizio bus! Quelli che non si fermano se non alzi il braccio (!!!)...

IMG_1950

Ora, se Porto Santo Stefano è piuttosto ben fornito, con una corsa quasi ogni ora, Porto Ercole, è in assoluto il più tagliato fuori dell'isola-penisola di Monte Argentario.

IMG_1949

Anche in questo caso, se perdi una coincidenza (studiata con una sceneggiatura orari degna di Hitchcock), resti a piedi per ore. Insomma, tutto sembra convergere nell'assioma assoluto: senza macchina all'Argentario non ti sposti.

IMG_2047

Ecco così che si assiste ogni estate alle scene che abbiamo ripreso nel video in testa. Ferragosto in Feniglia, ovvero, l'assalto della macchine alla spiaggia. Se notate bene durante le riprese sulla strada, appaiono ovviamente due vigili in motorino, uno parla con delle signore (che cercano di farsi togliere la multa), l'altro è intento a fare multe.

Il sospetto che all'amministrazione vada benissimo questo paradosso quindi diventa concreto. Venite all'Argentario in macchina, così vi faremo tante contravvenzioni. A cominciare dagli autovelox sull'Aurelia con i suoi limiti schizofrenici.

Del resto sul sito di Orbetello Turismo leggiamo alla pagina "Come Arrivare"

"Orbetello è comodamente raggiungibile percorrendo la Strada Statale Aurelia.
Per chi proviene da Grosseto percorrere la S.s.1 Aurelia per circa 40 km ed uscire ad Orbetello.
Per chi proviene da Sud, Roma o Civitavecchia percorrere la S.s.1 Aurelia fino all’uscita di Orbetello"

Capito? "Comodamente"...E questi sarebbero ecologisti? Complimenti alla coerenza. Davvero.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: