L'aeroporto di Rimini nuova frontiera con la Russia

Notte rosa a Rimini
Questo fine settima, durante una cena con amiche e rispettivi mariti, ho captato (lo ammetto, ascoltavo non vista) un discorso tra due padri, dal seguente tenore; "Ma ti ricordi quell'anno che siamo andati a Rimini in moto?", "E come faccio a dimenticarlo; una settimana passata, la sera in discoteca, e il giorno squagliati in spiaggia", "Beh, Andrea ieri mi ha detto che sarebbe andato a Rimini. Al che gli ho chiesto dove, quali locali pensava di frequentare, per rimorchiare ovvio; e sai che mi ha risposto?" "Spara" "Andava all'aeroporto di Rimini" "All'aeroporto? A fa' che? " "Dice che la è pieno di belle ragazze (non era proprio questo il termine), che arrivano dalla Russia. E ora stanno tutti là a cercare di rimorchiare".

Questa mi giungeva nuova. Sapevo di Fontana di Trevi, del Gianicolo, del Colosseo, ma mai saputo dell'aeroporto di Rimini. Poi però mi sono fatta un giro sul sito dell'aeroporto Federico Fellini, e forse Andrea qualche possibilità di rimorchiare ce l'ha. Non solo voli di linea provenienti da Mosca, ma charter, tanti, così tanti che quelli dell'aeroporto gli hanno dedicato un'apposita pagina web.

Chelyabinsk, Ekaterinburg, Kaliningrad, Kazan, Mosca, Novgorod, San Pietroburgo, Samara, Ufa, il pieno di turisti (e turiste) russi alla ricerca del divertimento della Riviera. Forse sarà anche a questi nuovi arrivi che quest'anno il l'aeroporto di Rimini ha superato il record di arrivi che risaliva al 1972, quasi 40 anni fa.

Foto | Banana Bungalow.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: