Le piramidi e la Valle dei Re in Egitto, ecco qualche consiglio di viaggio

Oggi andiamo nella terra dei faraoni e del Nilo, andando a dare uno sguardo alle piramidi e alla Valle dei Re: impossibile andare in Egitto e non recarsi a visitare entrambi i siti.

Questo è uno dei viaggi che avrei sempre voluto fare, ma che penso mi scorderò: andare in Egitto alla scoperta delle piramidi di Giza e della Valle dei Re. Oltre che di tutto il resto, naturalmente. Quindi, visto che devo accontentarmi di sognarlo e di rivivere la magia dell'antico Egitto nei libri di Rick Riordan dedicato alle Kane Chronicle, ecco che oggi andiamo a fare un breve viaggio alla scoperta delle piramidi e della Valle dei Re in Egitto, diamo qualche piccolo consiglio di viaggio. Si parte.

Le piramidi della piana di Giza


Piramidi della piana di Giza


Le Piramidi della piana di Giza in Egitto


Le piramidi si trovano nella piana di Giza, a breve distanza da Il Cairo

. A brevissima distanza, visto e considerato che le foto tradizionali riprendono sempre le piramidi in modo che non si vedano i sobborghi de Il Cairo, ma in realtà la città sorge a ridosso delle piramidi: vi dico questo non per rovinarvi la magia, ma almeno sapete a cosa andate incontro. Nell'immaginario collettivo visualizziamo tutti le piramidi in mezzo alle dune, ma è meglio sostituire le dune con le case.

Sono tre le piramidi: Cheope, Chefren e Micerino, a cui dobbiamo associare anche la Grande Sfinge che si trova nella parte orientale del complesso insieme ad altre piccole strutture, le cosiddette piramidi regine. L'intera necropoli di Giza è stato proclamata Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO nel 1979.

Cheope è la piramide più grande, per questo viene spesso chiamata anche Grande Piramide e non a caso è finita fra le sette meraviglie del mondo antico. E' anche la piramide più antica, si pensa che venne costruita nel 2500 a.C. La piramide è alta 137 metri, larga 230 metri, il rivestimento in pietra è scomparsa a causa di un terremoto e a causa dell'erosione del tempo e all'interno si trovano diversi cunicoli e enormi monoliti di granito.

La piramide di Chefren è quella intermedia come dimensioni, è alta 136 metri e su di essa si può vedere parte della copertura originaria. Questa ha due entrate, di solito si entra dall'ingresso a livello del suolo e qui con un passaggio in discesa si arriva alla camera funeraria. All'interno poi ci sono anche altre due stanze. Infine una rampa che ha una falsa volta in granito rosa conduce alla vera camera funeraria.

La piramide di Micerino è quella più piccola, ha due camere funerarie, gli interni fra le tre sono i meglio conservati, mentre l'esterno è quello meno curato di tutte. Per entrare in questa piramide l'ingresso si trova a circa quattro metri di altezza dal suolo, anche qui c'è un condotto in discesa di granito rosa che conduce ad un vestibolo ornato di bassorilievi. Da qui parte il corridoio che porta alla prima camera funeraria.

Diciamo che tutti i viaggi organizzati in Egitto prevedono una visita alle piramidi. La piana di Giza si trova a circa 25 chilometri dal centro di Il Cairo, è raggiungibile con diversi mezzi e particolarmente consigliato è andarci a dorso di cammello o a cavallo, anche se costa di più. Regola valida per tutti i monumenti da visitare in Egitto: ci si va o di mattina presto o di sera, durante il giorno fa troppo caldo. E se soffrite di claustrofobia evitate di entrare nelle piramidi. Esistono due ingressi alle piramidi e in teoria l'ingresso viene limitato a trecento persone al giorno, mentre gli ingressi per le piramidi di Chefren e Micerino sono a rotazione.

La Valle dei Re

La Valle dei Re sorge dove un tempo esisteva l'antica Tebe, sulla sponda occidentale di Luxor: è un'altra tappa irrinunciabile per chi va in Egitto. Questo era il luogo di sepoltura di molti faraoni del nuovo regno d'Egitto. Di sicuro da visitare sono la tomba di Tutankamon (la maledizione ormai dovrebbe essersi esaurita) e la tomba di Ramsete IV, ma occhio che la visita alla tomba di Tuntakamon richiede un biglietto a parte. Altre tombe celebri sono la tomba di Horemheb, la tomba di Merenptah, la tomba di Sethi, la tomba di Thutmose III e la tomba di Ramesse VI. Occhio che però non tutte le tombe sono sempre aperte.

Anche qui vige la regola di andarci di mattino presto, molto presto, altrimenti poi l'aria diventa arroventata. Già che siete in zona, poi, potete anche andare a visitare la Valle delle Regine. Ricordate poi che nelle tombe è assolutamente vietato fare foto.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail