Locali storici, Confetteria Romanengo Pietro fu Stefano di Genova

Confetteria Romanengo Pietro fu Stefano di Genova, una delle pasticcerie più antiche d'Italia.



Una tradizione che appartiene alla alla città di Genova: quando la frutta è matura viene lavorata con sciroppo di zucchero e di glucosio, conservando nel tempo il colore e il sapore originari. Da assaggiare: i frutti canditi "ghiacciati", le scorzette d'arancia e i marrons glacés profumati al fiore d'arancio.

E' il racconto della Confetteria Romanengo Pietro fu Stefano, un'istituzione a Genova, una delle pasticcerie più antiche d'Italia, che può vantare un'illustre recensione, resa niente meno che da Giuseppe Verdi che raccontando della pasticceria scrisse: "Condiva squisitamente ogni sorta di frutto".

La ditta risale addirittura al 1780, quando ad Ajaccio nasceva Paolina Bonaparte, sorella prediletta di Napoleone, e il negozio di via Soziglia 74 (nella fotografia) sta lì, con le sue vetrine ad invogliare i passanti ad entrare, sin dal 1814, l'anno fatale per Napoleone, che nel 1814 si arrese e si avviò all'esilio sull'isola d'Elba.

E da allora non molto è cambiato nella pasticceria, che ha aperto altri locali a Genova. Romanengo Pietro fu Stefano ancora produce frutta candita, conserve di frutta e di fiori, cioccolato e cioccolatini, confetti e dolci da dessert, magari da impreziosire con una splendida confezione regalo.

Lo storico locale si trova proprio nel centro storico di Genova (lo sapete che "Le Strade Nuove ed il complesso dei Palazzi dei Rolli" di Genova sono Patrimonio dell'Umanità?), e lo possiamo incontrare, facendo una bella passeggiata da palazzo San Giorgio fino su a Piazza de Ferrari.

Quasi dimenticavo, Genova è bellissima, maschia, ed ha tanto da offrire ai turisti in visita, non solo l'acquario. Per cui fermatevi almeno due giorni (tanto uno sarà comunque per l'acquario), per iniziare a conoscerla; vi sorprenderà.

Vedi anche l'antico borgo marinaro di Boccadasse.
pietro romegno fu stefano
Foto dal sito ufficiale della Confetteria Romanengo Pietro fu Stefano.

  • shares
  • Mail