Incendio alla stazione Tiburtina, la rabbia dei pendolari

Come al solito non si smentiscono mai, ancora una volta causa purtroppo l'incendio alla stazione tiburtina di Roma, Trenitalia non perde occasione per dimostrare la sua inefficienza con le linee i viaggiatori regionali, sono un pendolare della Roma-Pescara ,e proprio ieri 25-luglio 2011 con il treno che doveva arrivare a tiburtina alle 10.02, senza avvisarci ci hanno abbandonato a Prenestina in balia di taxi sanguisuga e autobus che non esistevano, ma io dico da sabato che e' successo non sono capaci o non vogliono mettere i bus sostitutivi? Che ladri pensano solo a incassare adesso che e' un nostro diritto avere il servizio sostitutivo! Poi volevo segnalare anche che al ritorno sul treno delle 14,33 che pero' e' partito alle 15 dal binario 7 di termini non c'era il capotreno, ovvero era presente fino ad Avezzano dopo e' sceso.....e' normale o legale tutto questo....viva l'italia!!!!! MRVIDEOCAM1

Molto arrabbiato, come molto arrabbiati erano quei pendolari che ieri a Orte sono saliti sul Frecciarossa semivuoto, costretto a fermarsi a causa dei pendolari che, per arrivare sul binario da dove sarebbe dovuto partire un convoglio speciale per Roma, invece di utilizzare i sottopassaggi, stavano attraversando i binari. E siccome erano molto, molto arrabbiati, invece di salire sul convoglio speciale, hanno deciso di farsi dare uno strappo dal Frecciarossa.

Tra le notizie ufficiali, sono state annunciate tre inchieste per arrivare a capire le cause dell'incendio, Alemanno chiede le teste dei responsabili, la fermata della metro B di Tiburtina è stata riaperta. Una buona notizia ci viene da Trenitalia che, grazie alla riapertura dei binari 5-6 della stazione a predisposto un piano di emergenza consultabile sul web.

  • shares
  • Mail