9 pazze destinazioni viaggio per gli amanti dei gatti

Vi piacciono i gatti? Non potete portarli in vacanza con voi, ma volete comunque avere dei mici insieme a voi? Ecco allora 9 pazze destinazioni viaggio per gli amanti dei gatti.

Siamo sinceri: a volte ci piacerebbe portare con noi in vacanza i nostri amati felini, ma proprio non è possibile (vuoi per motivi legislativi, vuoi per non stressare un gatto non abituato a viaggiare). Tuttavia sappiamo già che durante quella vacanza ci mancherano le fusa, le graffiate affettuose e le monellerie del nostro micione. Ma ecco che ci sono 9 pazze destinazioni viaggio dedicate agli amanti dei gatti: qui troverete gatti per ogni gusto.

Destinazioni viaggio a tema gatto


Gatto auto

Si parte con Amsterdam, dove troviamo il Poezenboat o Cat Boat, un vero e proprio santuario felino galleggiante. Si tratta di un rifugio per gatti che naviga sul canale centrale della città. In cambio di una piccola donazione, i visitatori potranno salire a bordo e giocare con i felini presenti, tutti adottabili. Se fate un salto a San Francisco, non dimenticate di visitare il Cat Museum. Si tratta di un istituto creato per studiare la storia del rapporto fra i gatti e gli uomini, il quale organizza mostre itineranti temporanee per le strade di San Francisco, gestita da un'organizzazione no-profit.

I giapponesi amano i mici, per le strade di Tokyo pullulano i Cat Cafè. Ma forse non sapevate che in Giappone esiste la Cat Heaven Island, un'isola dove sono i gatti a dettar legge. In realtà si tratta di una piccola comunità di pescatori, Tashirojima, dove ci sono più gatti che esseri umani. I gatti portano fortuna e tengono lontani i topi e gli abitanti del luogo, in cambio, nutrono e curano la grande popolazione di felini semi selvatici dell'isola. E ricordatevi: i cani non sono ammessi sull'isola.

Se siete a Parigi, non potete non fare un salto al famosissimo Le Cafe Des Chats. Però non pensate di potervi fermare qui a qualsiasi ora del giorno e della notte: c'è una lunga lista d'attesa per potersi sedere al tavolo, dove pianificare con cura la sosta. Potete bere il vostro caffè macchiato al suono rilassante delle fusa dei mici o anche giocare con loro. Passiamo anche per l'Italia, dove a Roma esiste una nutrita colonia felina a Torre Argentina, nota anche come Torre Argentina Cat Sanctuary. Qui nei ruderi romani di quattro antichi templi trovate circa 250 gatti, accuditi amorevolmente da tantissimi volontari. I visitatori arrivano sin qua con un duplice scopo: fotografare i reperti romani e immortalare i micioni sdraiati al sole. E potete anche adottarli.

Trasferiamoci a Taiwan, qui esiste l'Houtong Cat Village, località molto simile alla Cat Heaven Island nipponica. In pratica anche qui c'è un'invasione di gatti, con tanto di leggenda. Un tempo qui c'era una comunità di minatori in profonde difficoltà economiche: il villaggio andava sempre più in declino, fino a quanto la gente del posto non ha cominciato a pubblicare on line le foto dei 100 e più gatti randagi della città. Neanche da dirlo, orde di turisti innamorati dei gatti si sono precipitati fin qui, rivitalizzando la zona. Le cose sono andate così bene che è stato anche costruito un ponte ad uso e consumo dei felini, in modo che possano attraversare in sicurezza la linea ferroviaria.

A Key West in Florida troviamo, invece, la Hemingway Home: qui troviamo decine e decine di gatti affetti da polidattilia, di origine genetica. Pare che alcuni dei gatti qui presenti siano diretti discendenti del gatto di Hemingway, Snowball. I felini si crogiolano felicemente al sole all'interno della struttura, fanno le fusa sul bordo piscina e pare che siano una delle attrazioni principali del luogo. Nello Utah esiste la Best Friends Animal Society, una sorta di santuario felino a poca distanza dai canyon rossi: qui i visitatori possono coccolare gatti, cani o conigli, a loro piacimento. Potete anche andare a cavallo nei pascoli vicini. E potete anche dormire qui, facendo anche un pigiama party con questi pet.

Terminiamo il nostro giro turistico del mondo felino in Malesia, dove esiste il Museo Cat Kuching. Qui troverete più di 2000 reperti a tema gatto, fra cui anche un gatto egiziano mummificato (per vedere questo non dovete andare tanto lontano, mummie di gatto sono tranquillamente visibili al Museo Egizio di Torino), così come esempio di arte felina anche piuttosto kitsch. E trovate anche un esemplare di Pardoelis badia (il gatto dorato del Borneo), rigorosamente impagliato, il gatto più raro del mondo che vive nelle giungle del Borneo.

Via | Smartertravel

Foto | Berti66

  • shares
  • Mail